Arnica

L' arnica è inclusa in alcuni shampoo a base d' erbe, e ha fama d' essere ottima per la crescita dei capelli. Per me questa pianta montana è un' erba magica, che offre un rimedio meraviglioso per gli ematomi, le distorsioni e altri disturbi muscolari, in forma di tintura diluita per uso esterno. Tra parentesi, non deve mai venire impiegata quando vi sono tagli o abrasioni della pelle, e non va mai usata fredda. Poiché si può dire che i capelli facciano parte della pelle (o più esattamente sono un' escrescenza della pelle, come le unghie) non è sorprendente che l' arnica, un' erba tanto vitale e stimolante, sia utile per la loro crescita e la loro salute. [...]

In alcuni paesi europei è obbligatorio precisare sulle confezioni di shampoo e di tonici per capelli le erbe che vi sono contenute, o addirittura mostrarne l' immagine (purché non siano immagini d' erbe puramente immaginarie). Perciò, se i vostri capelli hanno bisogno di un «condizionamento», cercate il nome «arnica», oppure l' immagine del bel fiore giallo, simile a una margherita (la cui coltivazione sembra sia difficilissima), la prossima volta che acquisterete un preparato per la cura dei vostri capelli.

Bardana (Arctium lappa)

Può sembrare sorprendente incontrare una pianta così comune inclusa tra le erbe «raccomandate per la salute dei capelli», ma questa pianta così forte, utile nella dieta e in molti preparati, fornisce semi da cui si prepara un estratto liquido, preziosissimo per la pelle e per il cuoio capelluto.

I semi sono oleosi e utili per le ghiandole dei capelli, che sono di due tipi: quelle che producono olio naturale (le ghiandole sebacee) e che mantengono i capelli lucidi e morbidi, e quelle sudorifere della testa, che talvolta funzionano troppo.
Cercate l' immagine della bardana fra le erbe usate per gli shampoo, oppure il suo nome nell' elenco degli ingredienti, perché questa pianta dovrebbe essere inclusa in tutti i preparati specifici per i capelli secchi. Molti soffrono di questo inconveniente, soprattutto quando invecchiano e i capelli incominciano a perdere colore.

Naturalmente esistono molti altri oli vegetali, ma i semi di bardana ne forniscono uno che viene facilmente assimilato dalla pelle e che può essere preso anche per uso interno, se avete la pazienza di raccogliere i semi e di piantarli, e poi di mangiarne i germogli in insalata. I semi - le notissime «lappe» - si possono cogliere lungo le strade di campagna in autunno, quando anzi si attaccano ai vestiti dei passanti e al pelo dei cani che le sfiorano.
È facile far germogliare i semi di diverse specie ma è opportuno tenerle separate, perché germogliano in tempi e in modi diversi. [...]

Betulla (Betula pendula)

Le foglie giovani della betulla e i germogli verdi contengono un' alta percentuale di vitamina C, essenziale nelle nostre diete e per la nostra salute, e particolarmente favorevole alla crescita e al rafforzamento dei capelli. Rudolf Steiner, filosofo della natura, mistico e veggente, alla sua morte lasciò appunti su molte piante preziose come fonti importantissime di «unità» (e quindi di benessere) con il mondo naturale.

Una di esse era la betulla, e i farmacisti svizzeri che proseguono la sua opera terapeutica fanno grande uso di questa pianta, nei loro puri, deliziosi preparati d' erbe. Gli erboristi moderni sono debitori anche nei confronti dei pellirosse che hanno tramandato la conoscenza degli attributi della betulla, usata tradizionalmente per i tonici primaverili, nonché per preparare tè d' erbe utili per i malati di reumatismi e d' artrite. Furono i pellirosse ad esaltarne le virtù e a dimostrare che un infuso di foglie serviva per pulire il cuoio capelluto e per stimolare la crescita dei capelli. È una delle piante che io considero adatte per uso interno ed esterno. Provate a bere un tè di foglie di betulla, addolcito con miele, se preferite; e inoltre usatelo, senza addolcirlo, per pettinare e spazzolare i capelli: è una lozione astringente, tonificante e detergente.

Calendula (Calendula officinalis)

Molti vecchi testi d' erboristeria contengono elenchi di piante che per secoli sono state usate per la pelle e i capelli, e le calendule [...] spesso figurano in cima a queste liste. Venivano usate per unguenti, cataplasmi, lozioni, pozioni (persino per filtri d' amore), pomate e balsami per capelli, sia da uomini che da donne, ma soprattutto da queste ultime, perché «della calendula sappiamo che le donne usano il suo fiore per imbiondirsi i capelli, non accontentandosi del colore naturale che Dio ha dato loro». Altri erboristi raccomandavano le foglie per curare «bolle e altre suppurazioni della testa», o per guarire «tagli e ferite alla testa causate dalle cadute da cavallo». I petali delle calendule non erano i soli a venire usati per le tinture. [...]

Gli erboristi moderni usano ancora le calendule per guarire le ferite, sia alla testa che in altre parti del corpo. Mezzo cucchiaino da tè di tintura di calendula in una tazza d' acqua fredda dà una lozione rinfrescante e antisettica che, usata regolarmente per massaggiare la cute, favorisce la crescita dei capelli. Se fate un infuso d' una manciata di foglie giovani, boccioli e steli, prima di usarlo per lo sciacquo, avrete anche una lozione calmante. Oltre ad usare vari oli per massaggiare delicatamente la testa, vi consiglio la calendula, che probabilmente è tra tutte le erbe utili quella che impedisce ai capelli di diventare più radi, e favorisce la ricrescita.

Girasole (Heliantus animus)

Vi sono molti oli vegetali che, usati con cautela, possono contribuire a mantenere i capelli in buona salute, inclusi quelli di eucalipto, di cocco (che è ottimo anche per le sopracciglia e le ciglia, se applicato con cura), di soia (un' altra pianta per uso interno ed esterno, perché i fagioli di soia sono un cibo molto ricco di proteine), oltre al tradizionale olio d' oliva, quello di lavanda, di sesamo e di mandorla: e quindi può capitare di dimenticare le numerose qualità dell' olio di girasole. Vi sono tuttavia molti erboristi che collocano il girasole in testa all' elenco delle piante utili per i capelli, e affermano che mangiandone i semi deliziosi si può migliorare l' aspetto e la forza dei capelli secchi e senza vita.[...]

I semi di girasole sono per circa il 50 per cento olio: una percentuale paragonabile a quella contenuta nelle olive. Vengono usati per produrre certe margarine vegetali (migliori del burro, perché contengono acidi grassi insaturi). L' olio di girasole è ricchissimo di vitamina A e B, e contribuisce inoltre a ridurre (o almeno non lo aumenta) il tasso di colesterolo nel sangue. [...]

Lavanda (Lavandula vera e Lavandula spica)

L' olio di lavanda si ricava soltanto dai fiori, ed è piuttosto costoso. Vale la pena, tuttavia, di acquistarne di tanto in tanto una boccetta.[...] . L' olio va applicato sui capelli appena lavati, prima di spazzolarli. Ha fama di «sciogliere i nodi», e massaggiato sul cuoio capelluto con i polpastrelli ha azione stimolante e antisettica.[...]

La lavanda inglese ha fama di avere la migliore fragranza, sebbene quasi tutto l' olio in commercio provenga dalla lavanda a spighe europea (L.Spica), una pianta più rozza che fornisce una maggiore quantità d' olio, ma di qualità inferiore, secondo gli intenditori. Tuttavia, abbastanza stranamente, proprio questo olio è particolarmente efficace per favorire la crescita dei capelli deboli.

Ortica (Urtica dioica e Urtica urens)

In questi ultimi vent' anni c' è stato un grande risveglio dell' interesse per l' uso delle erbe nella cosmesi e nella medicina, nonché per un modo di vivere più vicino alla natura. Naturalmente questo risveglio è stato causato dal numero crescente di persone che hanno scoperto da sé i vari modi di usare le erbe comuni, fin quasi al livello dello sfruttamento commerciale; e sono stati preparati molti shampoo che, pur presentati come prodotti d' erbe, sono ancora basati su detergenti troppo energici e talvolta dannosi.

Alcuni hanno belle etichette e fiori; molti hanno un colore verde e un forte odore d' erba, ma è consigliabile leggere bene le formule, prima di convincersi di aver acquistato un prodotto benefico per i capelli. Tuttavia, vi sono molti buoni produttori europei di cosmetici a base d' erbe che offrono shampoo benefici e innocui, basati sui saponi più delicati e più puri e su estratti di piante come le ortiche.

Si è sempre ritenuto che le ortiche abbiano un influsso fortificante e stimolante sui capelli. [...] Si può usare per lo sciaquo un infuso di ortiche ottenuto gettando ( con i guanti!) una manciata di ortiche in un bricco d' acqua bollente. Si noterà che le ortiche colorano l'acqua, quando sono in infusione, e molte persoe che cominciano a ingrigire sostengono che gli sciacqui a base d'ortica mantengono un bel colore ai capelli e li lasciano lucidi e mordidi. Altri dicono che tali sciacqui rivitalizzano i capelli bruciati dal sole o dall'acqua marina o "stanchi" dopo una lunga malattia; e la pianta figura in testa agli elenchi delle piante utili per quanti soffrono di forfora. Se l'odore d' ortica è ancora troppo forte, quando lo sciacquo si raffredda, aggiungete qualche goccia d' olio di lavanda, oppure qualche scorza di limone o di arancio. [...]

Rosmarino (Rosmarinus officinalis)

[...] Il rosmarino è originario della zona mediterranea, dove tende ad allargarsi, diventando più folto e più basso, nel sole caldo, di quanto possa diventarlo nelle zone nordiche. Naturalmente il rosmarino cresce benissimo purché sia riparato da un muro che arresti i venti del Nord. Sopporta abbastanza bene le gelate, ma le nevicate tendono a spezzare i rametti fragili e durante gli inverni lunghi e freddi, persino nei paesi meridionali, può perdere le foglie sempreverdi.[...]

Nel corso dei secoli il rosmarino è sempre stato l' emblema del ricordo; inoltre figurava in ghirlande e mazzi per tutte le occasioni. Come disse Tommaso Moro, «è l'erba sacra alla rimembranza e quindi all' amicizia». Inoltre, per tornare alle cose pratiche, da molto tempo viene considerato un' erba fragranza per la pulizia dei capelli, e «molto medicinale per la testa».

La contessa di Hainault, madre della regina Filippa, inviò alla figlia in Inghilterra la prima pianticella, spiegando che la si poteva usare per scacciare le tarme, aromatizzare l' acqua per lavarsi, aguzzare l' appetito, curare la gotta e la tosse; inoltre, «bruciandone il legno» si ricavava una polvere per conservare la salute dei denti. [...]

Oggi gli erboristi usano il rosmarino per le sue proprietà stomatiche e nervine e, per uso esterno, quale ingrediente di shampoo, oli e lozioni per capelli, poiché sanno che ha fama di prevenire la calvizie prematura e di stimolare l'attività dei bulbi capillari.
Le foglie, fresche o secche, possono venire adoperate per preparare un infuso per lo sciacquo; una lozione, un po' più forte, può venire massaggiata sul cuoio capelluto per eliminare la forfora ed evitare che «i capelli arricciati da poco ridiventino lisci, se dovete uscire con il tempo umido».

Salvia (Salvia officinalis)

[...] È una pianta preziosa, e può essere usata per moltissimi scopi: si può preparare un infuso per gargarismi (ha proprietà antisettiche naturali) o per l' indigestione, o il «catarro di petto»; inoltre, ha anche la funzione di «blando deodorante». Per non parlare poi delle sue virtù culinarie.

Un decotto piuttosto forte, ricavato dalle foglie di salvia rossa, è sempre stato usato come colorante per i capelli. L' ho sentito chiamare «l' henné dell' Occidente». La forza della soluzione, naturalmente, dipende dall' intensità del colore che intendete dare ai capelli; ma poiché non sembra che la pianta sia tossica, per uso esterno, è un metodo innocuo per scurire i capelli. Uno sciacquo a base di salvia, inoltre, conferisce una piacevole lucentezza ai capelli bruni.

Gerard, l' erborista elisabettiano, diceva che «la salvia è singolarmente adatta per colorare e scurire i capelli, ed è buona per la testa e il cervello, ravviva i sensi e la memoria, rafforza i muscoli, rende la salute ai paralitici, e cancella i tremori delle membra».[...]

Un altro vecchio erborista diceva che un forte infuso di salvia «eliminava l' odore dei capelli acidi, quando al mattino veniva accuratamente distribuito con una spazzola dalla radice alle punte». Naturalmente la salvia è un astringente, e ha effetto tonico per il cuoio capelluto. [...]

 

 

 

Tratto da "Erbe e Piante per la salute dei capelli" di Ceres. Hermes Edizioni.

Scritto da Lo staff di Sorgente Natura