L' acqua è un bene fondamentale

Spesso dimentichiamo di quanto sia importante fornire al nostro organismo il giusto apporto di acqua del tutto ignari delle importanti virtù che questo liquido possiede e delle azioni benefiche che svolge all'interno del nostro organismo. L'acqua infatti:

  • presiede al trasporto e allo scambio di sostanze nutritive
  • garantisce l'eliminazione delle sostanze di rifiuto
  • regola la temperatura corporea
  • permette lo sviluppo degli impulsi nervosi
  • attiva la scissione e la trasformazione dei composti necessari per il metabolismo
  • permette la produzione di energia
  • rigenerazione e mantenimento dei tessuti


Ma parliamo di acqua minerale. Molti di voi penseranno che l'acqua sia un liquido inodore ed insapore giusto? Vi sbagliate. In realtà nessuna acqua è uguale all' altra ed il suo profilo gustativo dipende dalle sostanze disciolte in essa e dal luogo di provenienza. Pensate che esistono anche degli "idrosommelier", che proprio come accade per il vino, sono in grado di abbinare ad ogni portata un tipo di acqua. 

Tabella informativa 

Acqua Minerale: Prima di Scegliere Leggete L'Etichetta
Minimamente mineralizzata Residuo fisso < 50 mg/l, è indicata in caso di ipertensione e calcoli renali
Oligominerale o leggermente mineralizzata Residuo fisso < 500 mg/l; adatta all'uso quotidiano
Medio Minerale Residuo fisso tra 501 e 1500 mg/l, ha una percentuale significativa di sali minerali è quindi meglio non berne più di 1 l al giorno alternandola ad acqua oligominerale. E' consigliabile quando si suda molto o si svolge attività fisica intensa
Ricca di sali minerali Residuo fisso > 1500 mg/l, molto ricca di sali, va bevuta a scopo terapeutico, su suggerimento del medico, per problemi specifici
Contenente Bicarbonato (HCO3-) Contenuto di HCO3- > 600 mg/l, favorisce la digestione in caso di acidità di stomaco, se ha un elevato contenuto di calcio (acqua bicarbonato-calcica) aiuta a regolare i grassi nel sangue
Solfata SO4(2-) Solfati > 200 mg/l, lievemente lassativa, se con elevato contenuto di calcio (acqua solfato-calcica) o di sodio (acqua solfato-sodica) ha un'azione regolatrice sui grassi presenti nel sangue e un effetto preventivo nei confronti delle malattie cardiovascolari
Clorurata (Cl-) Cloruri > 200 mg/l, stimola attività di fegato cistifellea, intestino. Ha azione lassativa
Calcica (Ca2+) Calcio > 150 mg/l, indicata durante l' acrrescimento e quando l'apporto di calcio è scarso. Acqua "dura", quindi ricca di calcio, sembra favorire la prevenzione delle malattie cardiovascolari e dell' ipertensione
Magnesica (Mg2+) Magnesio > 50 mg/l, suggerita in caso di stress, stipsi e per la prevenzione dell' arteriosclerosi
Fluorata Fluoro > 1 mg/l, il quantitativo ideale durante la crescita è di 0,7 mg/l. Può aiutare a rinforzare ossa e denti. L'uso frequente di acqua con un contenuto di fluoro superiore a 1,5 mg/l può causare però alterazioni dei denti e dello scheletro
Sodica (Na+) Sodio > 200 mg/l, indicata durante intensa sudorazione e attività fisica; stimols fegato e cistifellea, calcoli alla cistifellea, in particolare se ricca di solfati (acqua solfato-sodica); previene la stipsi, soprattutto se ricca di cloruri (acqua cloruro-sodica). E' sconsigliata a chi soffre di ipertensione. L'acqua " a basso contenuto di sodio" (inferiore a 20 mg/l) è indicata nelle diete povere di sodio.
Ferrugiosa (Fe2+) Ferro bivalente > 1 mg/l, è un supporto per gli anemici. L'uso abituale di acqua ricca di ferro può rappresentare un fattore di rischio per l'infarto
Acidula Contenuto di CO2 > 250 mg/l, può favorire la digestione. Da usare con moderazione soprattutto in caso di problemi intestinali, osteoporosi e acidità di stomaco
Per neonati E' indicata un'acqua oligominerale con residuo fisso < 500 mg/l (oligominerale), sodio inferiore a 20 mg/l, fluoro inferiore a 1,5 mg/l, arsenico inferiore a 10 mcg/l, nitrati meno di 10 mg/l (per gli adulti è consentita una concentrazione di 50 mg/l), solfati inferiori a 200 mg/l; buon contenuto di calcio
pH leggermente alcalino fra 7,1 e 7,8 , aiuta a eliminare le scorie azotate e ha un effetto depurativo; leggermente acido fra 5,8 e 6,8 favorisce la digestione.
Durezza Definita in base alla concentrazione di calcio e magnesio, si esprime in gradi francesi (gradi F): 1 grado indica la concentrazione di 10 mg/l di carbonato di calcio. Le acque "molli" hanno una durezza inferiore a 5 gradi F e sono sconsigliate per l'alimentazione umana. Le acque "dure" vanno fra i 25 e i 35 gradi F. Valori alti sembrano non rappresentare problemi per la salute. La durezza consentita per l'acqua potabile è fra i 14 e i 50 gradi F
 Tabella tratta da "Acqua e Benessere" di Carla Barzanò. Tecniche Nuove.

Regolamentazione in materia d' acqua

La legge in materia d'acqua è chiara ed ogni bottiglia deve riportare una serie di informazioni sull'etichetta quali:

  • la denominazione legale “acqua minerale naturale”
  • il nome commerciale dell’acqua minerale naturale, il nome della sorgente ed il luogo di utilizzazione della stessa
  • l’indicazione della composizione analitica
  • l'eventuale presenza di anidride carbonica, o i trattamenti subiti per eliminarla, per esempio totalmente "degassata", "aggiunta di anidride carbonica", "effervescente naturale"
  • per il fluoro, se la concentrazione supera gli 1,5 mg/l è obbligatorio indicare: "non è opportuno il consumo regolare per i lattanti"
  • in caso di trattamento con aria arricchita di ozono deve essere scritto: "acqua sottoposta a una tecnica di ossidazione all'aria arricchita di ozono"
  • i nitrati non possono superare i 45 mg/l (ma è auspicabile che siano inferiori ai 20 mg/l), nel caso di acqua per i lattanti 10 mg/l; i nitriti dovrebbero essere assenti; il limite massimo è 0,05 mg/l
  • possono essere inoltre presenti alcune indicazioni facoltative che riguardano il materiale della bottiglia, l'invito a non disperderla nell'ambiente, le proprietà per la salute (non terapeutiche!), per esempio: può avere effetti diuretici, stimola la digestione etc
  • i titolari dei provvedimenti di riconoscimento e di autorizzazione alla utilizzazione
  • il termine minimo di conservazione
  • la dicitura di identificazione del lotto