Scopri subito i nostri prodotti con sidro di mele! Potrai leggere il resto con calma.

Curiosità e caratteristiche del sidro di mele

Il sidro di mele, ottenuto come la birra dalla fermentazione alcolica, è un’antica bevanda largamente prodotta e consumata in Europa, tipica soprattutto dei paesi nordici ed in particolare di Gran Bretagna e Francia.

Il sidro di mele, caratterizzato solitamente da un sapore frizzante e agrodolce e da una colorazione ambrata, può trovarsi in commercio in vasta gamma di tonalità, gusti e aromi: a seconda della maturità dei frutti e della lavorazione subita dal prodotto, sia il sapore che la gradazione alcolica possono infatti variare notevolmente.

La gradazione alcolica del sidro di mele oscilla in genere tra i 2° e gli 8°.
Questa bevanda, conosciuta e apprezzata già dal tempo delle civiltà babilonesi, fu consumata anche dagli antichi greci e romani perché già nei tempi addietro era considerata una risorsa preziosa e curativa per l’organismo.

Le proprietà del sidro di mele

Mentre l’aceto di mele è tradizionalmente noto per le sue virtù dimagranti, il sidro e l’aceto di sidro sono considerati invece rimedi naturali per contrastare svariati disturbi.
Facciamo qualche esempio:

  • Il consumo di sidro e aceto di sidro, grazie alle innumerevoli proprietà in essi presenti, può contrastare la tosse e gli stati febbrili.
  • Queste bevande sembrerebbero, inoltre, avere entrambe importanti proprietà diuretiche e lassative.
  • Il sidro di mele, se consumato regolarmente e in dosi moderate durante i pasti, sembra apportare benefici effetti sulla salute dello stomaco e dell'intestino. Grazie all’azione dei suoi enzimi, infatti, esso stimola la digestione e contribuisce a regolare il pH dell’intestino.
  • L’acido acetico, che troviamo sia nel sidro che nell’aceto di sidro, si dimostra un ottimo coadiuvante per le persone diabetiche, per tenere sotto controllo la glicemia e per diminuire il desiderio di dolci. Ciò permette di limitare anche l’assimilazione di grassi nell’organismo. Vero è, però, che il sidro di mele contiene alcool e, di conseguenza, anche una discreta quantità di zuccheri. Per questo bisogna limitarsi nell’assunzione.
  • L’acido malico, contenuto nella polpa e nella buccia delle mele, evita la ritenzione idrica e si rivela un ottimo rimedio preventivo per edemi e cellulite.
  • Questa bevanda naturale è particolarmente ricca di polifenoli, ovvero sostanze antiossidanti che si rivelano utili per la prevenzione delle malattie tumorali e cardiovascolari e per la protezione delle cellule dai radicali liberi. In effetti, i polifenoli sono in grado di esercitare un’azione depurativa che permette all’organismo di eliminare le tossine, con conseguente effetto sgonfiante immediatamente visibile. In questo modo, le cellule si mantengono a lungo giovani e la pelle distesa.
  • Il sidro, oltre ad essere in grado di regolare la pressione arteriosa, riesce anche a tenere bassi i livelli di colesterolo LDL e ad aumentare quelli dell’HDL (ovvero il colesterolo buono). In tal modo si riesce ad avere il cuore in salute e diminuiscono i rischi di patologie cardiovascolari.
  • Secondo alcune ricerche, il sidro ha proprietà antifungine e pertanto risulterebbe un ottimo rimedio contro candide, infezioni genitali e micosi della pelle.
  • Il sidro è in grado anche di far passare il singhiozzo, stimolando i nervi della gola che sono responsabili degli spasmi.
  • Essendo ricco di potassio, inoltre, il sidro di mele previene i crampi muscolari. Perciò il suo uso è particolarmente consigliato agli sportivi.

Infine, un ulteriore beneficio di questa bevanda è dato dalla capacità di combattere l’alitosi. Esso, infatti, agisce sia nella bocca che nell’apparato digestivo, donando a tutto l’organismo freschezza e benessere.

Tutti gli impieghi del sidro di mele

Il sidro di mele, servito per lo più in abbinamento ai dolci, si presta anche per essere gustato a tavola come sostituto del vino. Le tipologie di sidro più alcoliche ed aspre sono perfette, infatti, per accompagnare i secondi piatti e le pietanze più saporite.

Questa bevanda leggermente alcolica può essere sfruttata anche in cucina, come ingrediente per la preparazione di dessert e soffici torte a base di mele.
L’aroma del sidro intensifica infatti i sapori della frutta e incrementa inoltre la morbidezza dell’impasto. Inoltre, viene spesso usato al posto dell’aceto per sfumare i risotti o per arricchire di gusto il brodo vegetale.

Diffusissimo, infine, è anche l’impiego del sidro nella realizzazione di un ottimo aceto e di diversi derivati alcolici come l’Applejack e il Calvados, due specie di acquavite, il primo tipico del Canada e l’altro della Francia.

Il sidro di mele si può trovare in vendita online e in alcuni supermercati.

Ricetta per preparare il sidro di mele fai da te

Se il vostro intento è quello di cimentarvi nella preparazione casalinga del sidro, allora non ci resta che darvi qualche dritta.

Prima di tutto bisogna sottolineare che esistono diverse ricette del sidro, dato che ogni popolo ha cercato di adattarsi rispetto ai frutti delle proprie terre e alle proprie abitudini alimentari. A seconda del tipo di mela utilizzata, inoltre, il sidro assume colorazioni diverse che vanno dal giallo al rossastro.

In Gran Bretagna, ad esempio, il sidro è più alcolico di un paio di gradi rispetto agli altri, in Spagna si tende a preferire un sidro più dolciastro.

A prescindere dai pochi grammi di differenza di un ingrediente o dell’altro, in generale la ricetta del sidro segue più o meno un determinato procedimento e prevede sempre le stesse materie prime.

Vediamo di seguito il metodo più diffuso per realizzare un ottimo sidro con una dose di 2 kg di mele.

  • Preparare una purea di mela, frullando o semplicemente grattugiando  il frutto, o passandolo in una centrifuga (se risulta più comodo si può anche utilizzare un succo di mela biologico preconfezionato; ovviamente la qualità complessiva ne risente).
  • Aggiungere un paio di cucchiai da tè di succo di limone biologico.
  • Aggiungere un panetto o una bustina di lievito di birra, ed amalgamare bene il composto affinché diventi completamente omogeneo.
  • Aggiungere 250 gr di zucchero di canna (se si preferisce, si può fare anche leggermente più dolce). Amalgamare ancora incorporando il tutto.
  • Versare 250 ml di acqua e girare ancora.
  • Travasare tutto in un bottiglione di vetro e chiudere con un gorgogliatore, per facilitare la fermentazione, che dura una quindicina di giorni.

Le accortezze da avere durante questo periodo sono due: agitare almeno una volta al giorno e lasciar fermentare in un luogo asciutto che non superi i 20° di temperatura.  Trascorso questo tempo, filtrare; dopo di che il sidro è pronto per essere consumato!

Controindicazioni

Essendo una bevanda alcolica, non è opportuno che i bambini e le donne in gravidanza o in allattamento ne facciano uso.

Inoltre, l’assunzione smodata di sidro di mele può provocare uno squilibrio di acidità nel corpo. Si consiglia, dunque, un consumo controllato di tale bevanda, soprattutto del derivato: l’aceto di sidro di mele. È principalmente quest’ultimo in realtà a provocare qualche effetto indesiderato poiché, rispetto al sidro puro, è molto più acido.

In casi rari si sono verificate ustioni alla gola e abrasioni alla bocca, ma ciò è dovuto ad un abuso davvero enorme. Per questo è consigliabile sciacquare la bocca dopo averlo utilizzato.

Secondo tutti i principali studi, infine, il sidro di mele non dovrebbe avere interazioni con alcun medicinale.

 

Scritto da Lo staff di Sorgente Natura