Prodotti naturali e integratori per dormire

Per favorire il sonno in modo semplice e naturale può rivelarsi utile applicare sulla pelle o sul cuscino qualche olio essenziale che stimoli il rilassamento. Le essenze più indicate per combattere l’insonnia sono il tiglio, la lavanda, il sandalo, il gelsomino, la vaniglia, il biancospino e la camomilla.

Questi profumi possono essere diluiti anche nell’acqua della vasca per realizzare bagni distensivi e riposanti oppure essere propagati nell’aria con l’aiuto dei diffusori. Altri rimedi naturali privi di effetti collaterali e controindicazioni sono le essenze australiane, i fiori di Bach e i gemmoderivati.

Un valida alternativa ai medicinali sono anche gli integratori naturali a base di erbe. Nelle cure omeopatiche per l’insonnia i prodotti più utilizzati contengono griffonia, melatonina, magnesio, zinco, rame ed altri estratti vegetali di cui tra poco si parlerà. Altre sostanze benefiche inserite spesso in questi prodotti sono l’Ambra grisea, il Kalium bromatum o phosphoricum, l’Ignatia, il Gelsemium, il Moschus e la Nux vomica.

Le cinque migliori tisane per curare l’insonnia

  • Melissa: oltre a ridurre i disturbi legati alla digestione gli infusi alla melissa contribuiscono anche a migliorare l’umore e a favorire il sonno in modo naturale. I principi attivi contenuti nelle foglie di questa pianta svolgono un’azione distensiva sui muscoli dell’intestino e una funzione rilassante nei confronti di tutto il corpo. La melissa viene impiegata in fitoterapia per il trattamento dell’ansia, dell’insonnia e dell’ipertiroidismo.

  • Valeriana: le proprietà sedative della valeriana aiutano a placare gli stati di ansia e di agitazione e a migliorare la qualità del sonno. Il suo uso è adatto anche per i bambini al di sotto dei tre anni e in sostituzione alle terapie farmacologiche con benzodiazepine.
  • Passiflora: le parti aeree di questa pianta sono indicate per il controllo dell’angoscia, delle palpitazioni e degli spasmi addominali. Essa aiuta a favorire il sonno ed è spesso associata ad altre erbe dalle medesime virtù officinali.
  • Luppolo: i fiori del luppolo aiutano a contrastare gli stati di ipereccitabilità dovuti ad ansia e nervosismo. Agiscono alla stregua di un sonnifero naturale e sono utili per ridurre i frequenti risvegli notturni. I principi attivi contenuti nel luppolo svolgono anche una funzione simile a quella degli estrogeni e influenzano quindi la regolarità del ciclo mestruale.
  • Escolzia o papavero giallo: questa pianta californiana vanta proprietà analgesiche e soporifere. Combatte il mal di testa, le contrazioni muscolari e l’insonnia causata da stress e inquietudine.

Ognuna di queste piante può essere assunta anche sotto forma di estratto idroalcolico o tintura madre. La dose consigliata è di 30 gocce da assumere due volte al giorno lontano dai pasti.