Le cause delle impurità cutanee

La presenza di impurità cutanee sul viso, come brufoli e punti neri, è per lo più associata ad una condizione di pelle grassa. L’untuosità della cute può avere a sua volta un’origine di natura ormonale e dipendere quindi dall’iperattività delle ghiandole sebacee.

La secrezione del sebo è un'attività normale e fisiologica che serve a mantenere la pelle nutrita ed idratata; quando questa produzione diventa però eccessiva la pelle diviene di conseguenza più oleosa e sviluppa impurità. Le cause dell’acne potrebbero essere ricercate tuttavia anche nell’eredità genetica.

Per quanto riguarda invece i cosiddetti punti neri, essi sono dovuti ad un’accresciuta produzione di cheratina all’interno dei follicoli piliferi. Le cause di questa condizione possono fattori endogeni ormonali ma anche fattori esterni come l’esposizione ai raggi UV o il deposito di polveri e sostanze occlusive sulla pelle. Nel caso in cui questo inestetismo non sia dovuto quindi alla grassezza cutanea è bene evitare l’uso di detergenti aggressivi e ad azione sgrassante.

Quando si parla invece di acne comedonica si intende una manifestazione lieve dovuta alla dilatazione del follicolo pilifero e all’accumularsi al suo interno di sebo e batteri. L’aspetto iniziale di questo tipo di acne è simile a quello del punto nero ma si evolve poi in un vero e proprio brufolo.

Queste imperfezioni cutanee, tipiche soprattutto della fase giovanile, possono emergere anche tardivamente in gravidanza e in età adulta per motivi di stress, ansia o alterazioni ormonali. Le zone più colpite sono le guance, la fronte, il mento, la schiena e il torace. Anche l’acne neonatale non è dovuta alla presenza di allergie o infezioni particolari ma è semplicemente causata da fattori ormonali.

Consigli e rimedi naturali

Il primo passo per evitare i brufoli e le impurità delle pelle è senza dubbio la detersione. La cura dell’acne passa infatti in primo luogo attraverso una corretta e giornaliera pulizia del viso: è meglio evitare quindi i trattamenti occasionali e profondi e preferire invece un’igiene quotidiana.

Il secondo passo per prevenire ed eliminare brufoli e punti neri è la scelta del prodotto: è importante selezionare infatti cosmetici delicati, leggermente schiumogeni e ad azione cheratolitica. I prodotti migliori sono i latti detergenti e i tonici viso ad azione astringente. I più efficaci sono quelli privi di alcol e quelli composti principalmente da estratti di salvia, bardana, ratania e vitamina A.

La pulizia della pelle deve essere effettuata mattina e sera mentre i peeling esfolianti possono essere eseguiti con cadenza settimanale. L’esfoliazione della cute è utile perché aiuta a rigenerare e a rinnovare i tessuti tuttavia deve essere realizzata con l’ausilio di creme e scrub poco abrasivi: è preferibile scegliere quindi prodotti con microgranuli e con formulazioni delicate. Le maschere più indicate per questo tipo di pelle sono quelle assorbenti con argilla bianca e hamamelis.

Per evitare l’acutizzarsi del fenomeno è sconsigliato l’uso di creme e trucchi che vadano ad ostruire la pelle: tra i migliori vi sono invece quelli indicati sull'etichetta come “non comedogeni”. Per l’idratazione è preferibile utilizzare prodotti fluidi ma non troppo grassi a base di calendula, camomilla, salvia e olio di borragine. Il prodotto va applicato con le mani pulite e senza massaggiare la zona troppo a lungo.