Cos'è il ribes nigrum?

Il Ribes Nigrum, chiamato comunemente ribes nero, è una pianta spontanea appartenente alla famiglia delle Grossulariaceae.

Questo arbusto è originario delle zone montuose dell'Europa centro-settentrionale e dell'Asia, può raggiungere altezze di 2 metri ed è caratterizzato da foglie grandi e piane. Tale vegetale fiorisce in primavera colorandosi di un  verde-bianco poco vistoso.

I frutti prodotti da questa pianta compaiono tra Agosto e Settembre, sono bacche sferiche di colore nero, ricche di semi e, a differenza del ribes rosso risultano molto più saporiti e profumati tanto che anche i loro utilizzi sono diversi.

Il ribes nero viene coltivato prevalentemente per uso alimentare anche se negli ultimi tempi il suo utilizzo terapeutico sta riscuotendo un notevole successo.

Proprietà e benefici del ribes nigrum

I frutti del ribes nigrum sono molto apprezzati per l'elevato contenuto di vitamina C presenti in esso, inoltre sono ricchi di antiossidanti, utili sia per contrastare le malattie dovute all'invecchiamento che per rallentarne il processo.

Questi frutti, alla stregua degli altri frutti di bosco come mirtilli, lamponi e more, oltre a presentare importanti proprietà antiossidanti, antinfiammatorie ed antiaggreganti piastriniche, sono anche ricche di  antocianosidi

Il loro utilizzo vanta benefici in caso di cellulite, ritenzione idrica, insufficienza venosa, gambe gonfie ed emorroidi, essi sono infatti in grado di combattere i problemi dovuti ad una fragilità capillare.

Questi frutti possiedono proprietà diuretiche, astringenti, antiallergiche e depurative tanto che rappresentano un ingrediente comune per la preparazione di tisane. Inoltre, parimenti al mirtillo, il ribes nigrum può anche contribuire a migliorare la vista

Dai semi presenti in questi frutti si può ricavare un olio dotato di proprietà antinfiammatorie dovute ad una notevole presenza di acidi grassi essenziali caratterizzati a loro volta da un equilibrio ottimale di omega-6 (acido gamma-linolenico) e omega-3 (acido alfa-linolenico).

Utilizzi terapeutici del ribes nigrum

Il ribes nigrum grazie alle sue proprietà è utilizzato come metodo curativo fin dai tempi antichi. Questo prodotto può essere adoperato come visto in fitoterapia ed in gemmoterapia per stimolare le ghiandole surrenali producendo cortisolo, un cortisone endogeno che permette all'organismo di contrastare le infiammazioni.

Il ribes nigrum può essere usato per sanare:

  • Allergie e dermatiti: grazie alla quercetina e ai flevonoidi contenuti al suo interno, il ribes nero è in grado di esercitare un effetto antistaminico risultando molto utile per le irritazioni alle vie respiratorie dovute ad allergie e in casi di infiammazioni cutanee come dermatiti ed orticarie.
  • Dolori ossei e muscolari: questo prodotto può essere molto utile anche per alleviare i dolori muscolari da affaticamento, quelli alla schiena e alle articolazioni, sempre per merito del cortisolo presente in esso.
  • Malattie invernali: Il ribes nigrum può essere utilizzato per guarire raffreddori, mal di gola, influenze, stati febbrili e bronchiti, grazie all'assunzione degli estratti delle gemme.

Le foglie di questo arbusto possono essere utilizzate per la depurazione dell'organismo andando ad eliminare le tossine e il colesterolo LDL (colesterolo cattivo) presente nel sangue ma anche in ambito fitoterapico per potenziare il riscontro agli stress psicofisici.

Controindicazioni

Il ribes nigrum è un frutto dalle notevoli proprietà benefiche, tuttavia esso presenta alcune controindicazioni tali da rendere questo prodotto un potenziale pericolo per gli individui già affetti da alcune problematiche:

  • Malattie renali: essendo un prodotto dalle importanti proprietà diuretiche e depurative, il suo utilizzo è sconsigliato laddóve sussistono problemi in grado di compromettere la corretta funzionalità dei reni come nel caso di calcoli o patologie più spinose. In tal caso il consumo di ribes nigrum potrebbe affaticare ancora di più l'apparato urinario compromettendo di conseguenza la funzione renale.
  • Terapie anticoagulanti: l'utilizzo di questi prodotti è sconsigliato ai i soggeti che devono sottoporsi a terapie che permettono di regolare la fluidità del sangue perchè le carattereistiche del ribes nigrum potrebbero ampliare gli effetti apportati da questi trattamenti.
  • Pressione alta: gli individui ipertesi, o che soffrono di pressione alta sono invitati ad escludere il ribes nero dalle loro diete dal momento in cui l'assunzione prolungata di questo prodotto potrebbe provocare ulteriori peggioramenti di tali patologie con conseguenti complicazioni per la salute del cuore e delle vene.
  • Patologie nervose e psicologiche: il ribes nigrum è sconsigliato per le persone che soffrono di disturbi psicologici nonché di quelli a carico del sistema nervoso in quanto la stimolazione del cortisolo, apportata da questo prodotto, potrebbe interagire con le suddette patologie. Oltre a ciò il ribes nero è sconsigliato anche a coloro che soffrono di epilessia perché la sua assunzione sarebbe in grado di scatenare frequenti crisi convulsive.

Il ribes nigrum come alimento

Il ribes nero è molto utilizzato in ambito culinario sia a crudo che come ingrediente per la preparazione di liquori e succhi, salse e confetture.

Scritto da Stefano