Scopri subito tutti i nostri prodotti a base di Propoli! Potrai leggere il resto con calma.

Cos'è la Propoli?

La propoli (chiamata impropriamente anche il propoli) è un rimedio fitoterapico che deriva dal lavoro delle api bottinatrici.

La propoli viene prodotta alla fine della stagione estiva, quando le api prelevano in piccoli carichi una sostanza resinosa dalle gemme di alcune piante, come gli alberi di pioppo e conifera. La sostanza collosa estratta viene utilizzata per proteggere e sigillare gli alveari e per essere poi elaborata e modificata mediante processi digestivi.

La propoli è una sostanza di origine principalmente vegetale, anche se va ricordato che le api, dopo la raccolta, la elaborano e la modificano aggiungendo polline, cera ed enzimi prodotti dal loro stesso organismo (questo è il motivo per il quale i vegani preferiscono non utilizzarla).

Il colore varia, a seconda della sua fonte botanica, tra le tonalità del giallo, del rosso e del marrone scuro (più diffuso).

La propoli veniva utilizzata per scopi terapeutici già migliaia di anni fa dalle antiche civiltà: i greci la usavano per curare gli ascessi; gli assiri la mettevano sulle ferite per evitare infezioni e per facilitare il processo di guarigione; gli egizi la utilizzavano per imbalsamare le mummie.

Composizione

La composizione della propoli è molto varia e può subire modificazioni in base alla vegetazione e al luogo di origine, alla stagione e ad altri fattori.
Ad esempio, la propoli del sud America non potrebbe mai avere le stesse identiche componenti di quella europea.

Sono stati infatti identificati più di 300 diversi composti biochimici all’interno della propoli; il maggior numero è formato da polifenoli, ovvero sostanze importantissime che sono in grado di combattere numerosi fastidi e malattie.

In particolare, la propoli contiene flavonoidi (tipi di polifenoli), che hanno potenti capacità antiossidanti.

La propoli contiene:

  • Resine,
  • cera e acidi grassi,
  • oli essenziali e sostanze volatili,
  • polline,
  • composti organici e minerali.

Tra le componenti maggiori è poi possibile trovare:

  • Minerali come magnesio, calcio, iodio, potassio, zinco, manganese, ferro.
  • Vitamine B1, B2, B6, C, E e P.
  • Enzimi.
  • Acidi come acido caffeico, fenolo, adenosintrifosfato.
  • Aldeidi.
  • Flavonoidi.
  • Alcoli.
  • Terpeni.
  • Amminoacidi.
  • Acidi grassi.
  • Chetoni.
  • Steroli e Polisaccaridi.

Proprietà e benefici della Propoli

Se le api utilizzano la propoli per rendere più solidi e protetti i loro alveari e per difendersi dal freddo, gli esseri umani possono trarre numerosi benefici dall’uso di questa sostanza resinosa molto salutare, in qualsiasi formato decidano di assumerla (anche se impiegata come ingrediente nei cosmetici).

Numerose ricerche scientifiche hanno dimostrato che la propoli possiede proprietà antibatteriche, antivirali, antimicotiche e antinfiammatorie, risultando quindi un ottimo rimedio per numerosi problemi.

Vediamo di seguito i benefici che la propoli apporta al nostro organismo.

  • Sotto forma di spray, gocce o tintura madre, la propoli può essere adoperata per sanare le ferite, poiché le sue sostanze accelerano il processo di guarigione, attivando il metabolismo delle cellule, incrementando la loro proliferazione e favorendo quindi i processi di riparazione.
    Alcuni studi hanno dimostrato la sua efficacia contro le ustioni e le piaghe da decubito; essa risulta infatti di gran lunga più forte rispetto alle creme steroidee di comune utilizzo.
  • Grazie a queste sorprendenti proprietà, la propoli può essere utilizzata anche su afte, irritazioni della mucosa orale, herpes orali e genitali e micosi (sia per l’azione cicatrizzante che per quella antivirale e antifungina), gengiviti, mal di denti e alitosi, foruncoli o acne poiché disinfetta e favorisce la cicatrizzazione. È inoltre molto consigliata dopo la chirurgia dentale o orale, a mo’ di colluttorio, anche per effettuare risciacqui e gargarismi.
  • La propoli è particolarmente indicata per la cura di sintomi influenzali come mal di gola, raffreddore, tonsilliti e placche, soprattutto perché riesce a sconfiggere tutti i germi e batteri dai quali essi traggono origine.
    A differenza degli antibiotici di composizione chimica, la propoli agisce come un vero e proprio antibiotico, ma in maniera del tutto naturale. Quindi senza provocare alcuna conseguenza all’organismo, ad non fa abbassare le difese immunitarie e non scompensa la flora batterica intestinale.  
  • Essa inoltre può aiutare a tenere in salute l’apparato cardiovascolare grazie alla sua funzione vasodilatatrice, che è inoltre in grado di aumentare il flusso sanguigno e diminuire la pressione.
  • La propoli è anche un toccasana per mantenere in salute il tessuto osseo e i denti, risultando particolarmente adatta anche nel periodo della menopausa per combattere l’osteoporosi.
  • Alla propoli vengono attribuite anche proprietà antiallergiche, dovute dalla combinazione di polline e principi attivi al suo interno: viene spesso eseguita un tipo di terapia chiamata “desensibilizzante” che aiuta il sistema immunitario ad abituarsi agli allergeni in modo che si verifichino, nel periodo primaverile, meno reazioni allergiche alla presenza di pollini nell’aria.
    Bisogna considerare che i dosaggi di propoli assunti devono essere bilanciati e proporzionati al tipo e alla gravità dell’allergia, anche perché se la quantità non fosse corretta si rischierebbe di provocare reazioni massive. Tuttavia, grazie alle proprietà decongestionanti e antinfiammatorie della propoli questo tipo di trattamento di desensibilizzazione risulta notevolmente utile ed efficace.
    La propoli inibisce il rilascio di istamina, ovvero quella sostanza che provoca lo starnuto, il pizzicore alla gola e l’eccessiva lacrimazione nelle persone, come reazioni allergiche. Da tale sostanza, infatti, deriva il termine antistaminico (anti-istaminico).
  • In caso di disturbi metabolici la regolare assunzione di propoli può correggere la presenza di alte concentrazioni di grassi nel sangue.
  • Oltretutto, essa può curare le intossicazioni alimentari grazie alla sua azione antimicrobica, molto efficace contro alcuni batteri. Tra gli altri citiamoi: l’enterobacter faecalis e lo staphylococcus aureus, responsabili dei più comuni casi di avvelenamento da cibo.
  • Essa viene inoltre utilizzata in caso di cistiti, infiammazioni dell’uretra o della prostata e per curare infezioni da candida albicans.
  • La propoli è largamente impiegata anche per il trattamento di problemi gastrointestinali, inclusa l'infezione da helicobacter pylori.
  • Questa sostanza ha anche la capacità di potenziare l’azione dei vaccini e di aiutare a contrastare la fragilità capillare.
  • È stato dimostrato che i benefici degli antiossidanti e di tantissime altre sostanze presenti nella propoli sono di grande aiuto per gli atleti e gli sportivi in generale, poiché riescono a prevenire il surriscaldamento muscolare, che si verifica soprattutto nelle stagioni più calde.
  • Grazie alle sue proprietà antimicotiche, antibatteriche e cicatrizzanti, la tintura di propoli è largamente impiegata anche nel trattamento delle verruche.
  • Alcuni studi scientifici più recenti hanno persino dimostrato che la propoli può avere un effetto anti-cancro, poiché riesce ad inibire la proliferazione delle cellule cancerose. Pertanto può risultare efficace come terapia complementare (non sostitutiva) per curare il cancro al seno, al colon e alla prostata.

Controindicazioni

La propoli è un rimedio naturale tra i più utilizzati, tuttavia può presentare alcune controindicazioni che è bene non trascurare.

  • Il suo utilizzo è controindicato in caso di gravidanza, allattamento ed è parimenti sconsigliato nei bambini al di sotto di 3 anni.
  • L'assunzione di tale prodotto deve rispettare i dosaggi presenti nel foglio illustrativo dal momento che, se presa in dosi eccessive, potrebbe comportare alcuni effetti collaterali, come disturbi gastrointestinali, reazioni cutanee ed affezioni del cavo orale. Tutte problematiche che scompaiono con la sospensione del trattamento.
  • Pur essendo di derivazione naturale, potrebbero esistere soggetti allergici ad alcune componenti della propoli e sviluppare, come conseguenza del suo utilizzo, reazioni allergiche. In tal caso è opportuno rivolgersi al proprio medico e sospendere immediatamente l’assunzione.

Formulazioni

Esistono numerosissime formulazioni e forme farmaceutiche di propoli:

  • Estratto idroalcolico spray o tintura madre: 10-40 gocce diluite in acqua. Va considerato che una buona tintura dovrebbe contenere circa il 50-70% di propoli.
  • Estratto secco: 1-2 capsule da 200mg per 2-3 volte al giorno.
  • Tavolette masticabili: 1-3 volte al giorno.

In commercio è possibile trovare prodotti come saponi, creme, unguenti, burrocacao e pomate a base di propoli che aiutano la pelle a rigenerarsi e rinnovarsi.

Oltre agli shop online, la propoli si può trovare in erboristeria, in farmacia, al supermercato negli scaffali dedicati e nei negozi che vendono anche il miele.