Cos'è il polline?

Sicuramente avrai sentito parlare varie volte di polline...ma sai esattamente di cosa si tratta? Il polline viene prodotto dai fiori durante il processo di fecondazione e costituisce la cellula riproduttiva maschile della pianta da cui origina. Un granulo pollinico contiene non solo l'informazione genetica della pianta stessa, ma anche tanti elementi nutritivi necessari alla vita della nuova piantina.

Proprio per via di questa sua ricchezza nutrizionale, il polline serve alle api come fonte di nutrimento. Più nello specifico, quando facciamo riferimento al polline come integratore alimentare parliamo di polline d'api, perché è proprio grazie a loro se anche noi possiamo beneficiare delle sue numerosissime proprietà.

Il polline viene prodotto dalle piante sotto forma di polverina appiccicosa che rimane attaccata ai piccoli peli che ricoprono il corpo delle api quando queste si posano sul fiore per raccogliere il nettare. L'ape trasporta poi il polline fino all'alveare, dove sarà lavorato e utilizzato come fonte di nutrimento per le larve e le api adulte. In più, dalla lavorazione del polline le api producono anche la pappa reale, il principale nutrimento dell'ape regina.

Gli straordinari benefici del polline

Il polline, oltre ad essere la sostanza responsabile della riproduzione delle piante, nonché di numerose allergie stagionali, è anche un alimento dalle interessantissime proprietà nutrizionali per il nostro organismo. Il suo uso come integratore alimentare è noto da tempo in ambito erboristico e farmaceutico.

Il polline infatti è considerato come una delle sostanze naturali più ricche e complete di nutrienti in assoluto. Vediamo più nel dettaglio chi sono i responsabili delle innumerevoli proprietà del polline:

  • Glucidi, in particolare glucosio e fruttosio, responsabili in parte delle proprietà rivitalizzanti ed energetiche del polline.
  • Acidi grassi prevalentemente essenziali, come omega 3 e omega 6.
  • Sali minerali, in particolare ferro, potassio, fosforo, magnesio, zinco.
  • Vitamine soprattutto del gruppo B, compresa la preziosa vitamina B12.
  • Enzimi e proteine (che costituiscono in media il 20-30% dei nutrienti) di elevato valore nutrizionale, perché contengono tutti gli 8 aminoacidi essenziali per l'uomo.

Dove si può acquistare questo prezioso alleato per la salute? Il polline fresco o essiccato si trova in vendita soprattutto in erboristeria, nei negozi di prodotti naturali più forniti e online (scopri qui tutta la nostra selezione di polline, propoli e pappa reale) principalmente sotto forma di granuli, ma anche in polvere e capsule. Il costo del polline è molto variabile perché dipende da diversi fattori, primi tra tutti l'origine, la qualità e la presenza o meno della certificazione biologica.

Perché e quando assumere il polline

Come abbiamo visto, il polline è davvero un alimento ricco di preziosi nutrienti ed è proprio questa varietà di sostanze che gli conferisce le sue innumerevoli proprietà. A cosa serve quindi il polline come integratore alimentare? I suoi benefici più noti sono quelli di tonico ed energizzante: il polline infatti è consigliato per chi si trova in uno stato di convalescenza, debolezza fisica, mancanza di appetito e astenia in generale.

L'azione del polline risulta benefica non solo contro la stanchezza fisica ma anche contro quella mentale: mangiare il polline può essere un valido aiuto ad esempio per gli studenti, in quanto stimola la concentrazione e la memoria.

Il polline è anche un alimento altamente proteico e può essere inserito nella dieta degli sportivi: aiuta a mantenere i muscoli tonici e a reintegrare i sali minerali che si disperdono durante l'allenamento.

Il polline è utile contro forme lievi di anemia e in generale per coloro che hanno carenza di ferro e di calcio. Contribuisce tra l'altro a sostenere le difese immunitarie e a contrastare gli stati influenzali.

Il polline è considerato un alleato naturale della vescica e della prostata: contiene infatti quercetina, un potente antiossidante capace di alleviare gli stati infiammatori e il dolore a questi associato.

Gli integratori a base di polline contribuiscono infine anche a regolarizzare l'intestino in caso di stitichezza e possono essere un valido aiuto per contrastare la caduta dei capelli.

Come assumere il polline

Per sfruttare appieno le proprietà del polline è consigliabile assumerlo lontano dai pasti e preferibilmente nella prima parte della giornata, ad esempio la mattina prima della colazione.

Come si assumono i granuli di polline? Puoi scegliere di consumarlo tal quale, lasciandolo sciogliere sotto la lingua, oppure puoi miscelarlo in acqua, miele, yogurt o succhi di frutta, in modo da rendere più gradevole il suo sapore.

Il dosaggio varia da un minimo di 3 grammi (un cucchiaino) a un massimo di 10 grammi di polline al giorno, a seconda dei casi.

Polline, controindicazioni

Se si escludono i soggetti allergici, il polline non presenta particolari controindicazioni né effetti collaterali. L'assunzione di polline è comunque sconsigliata per i bambini in età pediatrica e durante il periodo della gravidanza e dell'allattamento.

Dato il suo leggero effetto lassativo, il polline potrebbe causare diarrea o altri fastidi nei soggetti più sensibili: è bene, in questi casi, interrompere subito l'assunzione alla comparsa dei primi disturbi.