Le migliori proprietà del pepe nero in cucina

Il pepe nero - che sia utilizzato in grani sulla tagliata e sul filetto o che sia utilizzato in polvere per insaporire un salsa - si dimostra in ogni caso una spezia ricca di salutari proprietà nutrizionali e dal profumo davvero inconfondibile. Il pepe è infatti una spezia che accompagna bene qualsiasi tipo ingrediente: dalle verdure ai formaggi, dalla pasta fino addirittura alle tisane e al cioccolato. Scopriamo dunque quali preziosi benefici giungono al nostro organismo ogni volta che consumiamo un piatto contenente questo aroma.

Il pepe nero, ovvero la bacca prodotta dalle piante indiane conosciute come Piper nigrum e piper longum, è una aroma graditissimo non soltanto in campo gastronomico ma anche in campo erboristico e medico. Le sostanze di cui è composto portano infatti vantaggi a chi soffre di stitichezza, a chi desidera perdere peso e a chi tende ad incorrere spesso in raffreddore, influenza e soprattutto febbre.

Chi assume frequentemente questa spezia ha difatti minori possibilità di essere colpito da influenze e virus intestinali, di avere difficoltà digestive e di avere un metabolismo pigro e lento. Il pepe nero non fa di certo dimagrire all’istante tuttavia, stimolando la termogenesi, induce l’organismo a bruciare più grassi e ad incrementare quindi il dispendio energetico quotidiano. Aromatizzare perciò gli alimenti con un po’ di pepe nero può essere un gesto semplice, economico ed efficace al tempo stesso, grazie al quale aiutare il nostro organismo a rimettersi in forma.

Il pepe nero facilita inoltre la depurazione dell’organismo, riduce il problema dell’aerofagia ed aiuta a rallentare l’invecchiamento delle cellule grazie all’azione antiossidante dei suoi componenti. Come tutte le altre spezie, anche il pepe nero è un ottimo condimento a cui ricorrere se si soffre di colesterolo e di diabete: aumentare il sapore di un piatto grazie alla sapidità e alla gustosità delle spezie permette infatti di ridurre l'utilizzo di grassi in cucina. Il pepe nero è inoltre indispensabile per potenziare gli effetti benefici derivati dal consumo della curcuma: per attivare infatti le proprietà curative di quest’ultima spezia, e per facilitarne l’assorbimento, è necessario che essa venga consumata insieme al pepe.

Pepe e Curcuma

Olio di pepe nero: un estratto… tuttofare!

Benché il miglior modo per consumare questa spezia sia senza dubbio nella versione in grani (il pepe in grani emana infatti una fragranza maggiore rispetto al pepe in polvere), un altro modo altrettanto efficace e veloce consiste nell’utilizzarla sotto forma di estratto. L’estratto di pepe nero, ovvero l’olio essenziale che viene ricavato dalla lavorazione di questi frutti, è un prodotto versatile e facile da usare, che può essere portato sempre con sé e adoperato all’occorrenza.

Potendo essere impiegato sia per uso interno che per uso esterno, l’olio di pepe nero può essere aggiunto agli alimenti e alle bevande ma può essere anche applicato sulla pelle per dei massaggi oppure essere disperso nell’aria grazie ai diffusori e alle candele. Oltre ad essere dotato di tutte le virtuose caratteristiche di cui già si è detto sopra, l’olio di pepe nero è provvisto anche di proprietà analgesiche che lo rendono adatto contro i dolori a carico di muscoli ed articolazioni.

Favorendo inoltre il microcircolo sanguigno, l’olio di pepe nero facilita l’eliminazione di inestetismi cutanei quali cellulite e adipe in eccesso. Miscelando qualche goccia di questo prodotto all’interno dei prearati cosmetici fatti in casa, si potrebbero notare miglioramenti anche in caso di pelle grassa, infiammata e di cuoio capelluto predisposto alla forfora.

Il profumo del pepe nero agisce infine anche a livello del sistema nervoso; è per questo motivo che nel campo dell’aromaterapia si consiglia questa fragranza in presenza di sintomi quali debolezza psicofisica, apatia, mancanza di audacia e di forza interiore. Anche soltanto fiutandone l'odore, il pepe nero ridona infatti vitalità e tonicità a tutto il corpo.

 

Olio Essenziale di Pepe Nero

Avvertenze, controindicazioni, effetti collaterali

Il pepe nero non è tuttavia sempre gradito al nostro organismo. I suoi effetti potrebbero dimostrarsi infatti inutili, o addirittura dannosi, se si soffre di alcuni disturbi come infiammazioni alla prostata e allo stomaco, lesioni interne all’apparato digerente, emorroidi e ipertensione. In tutti questi casi si consiglia perciò di evitare l’uso di questo ingrediente al fine di elude un possibile peggioramento dei sintomi già preesistenti.

Il pepe nero stimola infatti la produzione dei succhi gastrici e con essi l’acidità dello stomaco. Si sconsiglia in genere anche alle donne in gravidanza e alle donne in allattamento. Stando infine all’opinione di alcuni il pepe nero risulterebbe addirittura tossico e farebbe male alla salute: si tratta in realtà soltanto di false leggende; se utilizzato infatti nelle giuste dosi, e non in presenza di uno dei fastidi sopra elencati, il pepe nero non genera infatti alcun tipo di fastidiosa o di negativa conseguenza.