Fino al compimento del primo anno, il vostro bambino si nutrirà principalmente di latte materno o artificiale. Ma a sei mesi è tempo di iniziare a introdurre alcuni cibi solidi, cosi che possa sviluppare gradualmente il gusto per sapori e consistenze diverse. Inoltre a sei mesi il vostro bambino avrà esaurito le scorte di ferro che aveva alla nascita, perciò dovrà ricavare questo importante minerale dal cibo. Provando alimenti sempre nuovi, il piccolo deciderà quali preferisce. Più sarà variata la sua alimentazione, più probabilità ci saranno che i suoi pasti contengano tutte le sostanze nutritive necessarie. Inoltre, se il bambino si abitua a mangiare pietanze diverse, sarà più facile trovarne tante di suo gradimento, che accetterà anche in quei momenti in cui l'appetito diminuisce o si fa irregolare.

Come faccio a sapere se il Mio bambino è pronto per i cibi solidi?

Ogni bambino è unico, ma a sei mesi circa la maggior parte dei bebé è pronta a iniziare a mangiare cibi solidi e a familiarizzare con il cucchiaio e con il sapore e la consistenza di cibi diversi. A creare questo bisogno concorrono diversi fattori fisiologici. Quelli fondamentali, a sei mesi d'età, sono i seguenti.

  • La maggior parte della riserva di ferro che il bambino aveva alla nascita è stata usata; il latte materno non è una fonte adeguata di questo minerale, che quindi va integrato.
  • Ora sono presenti gli enzimi necessari alla digestione dei cibi solidi.
  • I bambini ora sono in grado di deglutire cibi semisolidi senza che vadano di traverso. (I neonati alla nascita hanno un forte riflesso di suzione ed estrusione, per cui tirano fuori istintivamente la lingua. Finché questo riflesso non scompare, a partire dai quattro mesi, i solidi vengono automaticamente buttati fuori dalla bocca).
  • I bambini iniziano a masticare.

Ecco alcuni segnali da tenere d'occhio per determinare se il bambino è pronto per i cibi solidi.

  • Beve più di 950 mi di latte materno o artificiale al giorno.
  • Il peso è raddoppiato rispetto alla nascita.
  • Riesce a tenere dritto il collo e a stare seduto.
  • Mostra interesse per il cibo quando mangiano gli altri.
  • Esprime la sua voglia di cibo allungandosi verso il cucchiaio a bocca aperta quando è affamato o tirandosi indietro e voltandosi dall'altra parte quando è sazio.

Il modo migliore di introdurre i cibi solidi

Quando il bambino è pronto, iniziate proponendogli le creme di cereali per bambini. La crema di riso è una buona scelta perché contiene un solo cereale, è facile da digerire e presenta i minori rischi di provocare reazioni allergiche o da intolleranza. Il momento migliore per provare qualsiasi cibo nuovo è al mattino, dopo una poppata (al seno o al biberon) parziale, quando il piccolo non è troppo affamato. Se gli proponete un cibo nuovo alla sera, qualsiasi potenziale reazione si verificherebbe di notte, e forse rischiereste di non accorgervi che il bimbo non sta bene. Una volta appurato che un nuovo alimento non provoca reazioni, potrete servirlo in qualsiasi momento della giornata.

Prima di dare la prima cucchiaiata al bambino, assaggiatela per essere sicuri che il cibo sia tiepido. Poi riempite un cucchiaino da svezzamento con un po' di crema di cereali e mettetelo delicatamente sulla lingua del bambino. Le prime volte la crema potrebbe essere sputata: siate preparati! Rilassatevi e godetevi questa nuova esperienza, se siete tranquilli, lo sarà anche il vostro piccolo. In questo momento state imparando come si dà da mangiare al bambino, e il bambino sta imparando come si mangia. In breve tempo sarete capaci entrambi. Provate con un altro cucchiaino e continuate, a meno che lo rifiuti, fino a finire la crema di cereali. Potrebbe sembrarvi poco, ma questi pasti iniziali servono più che altro ad abituare il bambino a consistenze e sapori nuovi. La maggior parte del nutrimento sarà ancora ricavata dal latte materno o artificiale. Quando la crema di riso è ben tollerata, potete aumentare gradualmente la quantità a 2-4 cucchiai (30-55 g), divisibili in due pasti al giorno. Ricordate di non sforzare mai il bambino perché finisca un cibo che rifiuta.

Come proporre cibi nuovi

Se il vostro piccolo rifiuta un cibo nuovo, lasciate perdere e riproponeteglielo dopo qualch giorno. Se lo costringete a mangiare un cibo nuovo può finire che non gli piaccia. Dopo aver riprovato senza pressione, spesso i piccoli accettano un alimento che dapprima rifiutavano.

CEREALI

Dopo tre o quattro giorni che il vostro bimbo accetta la crema di riso, introducete un'altra crema di un solo cereale, come l'orzo o l'avena. Seguite la stessa regola ogni volta che aggiungete un cibo nuovo: servitelo per tre o quattro giorni e osservate con attenzione qualsiasi segnale di intolleranza o allergia prima di provarne un altro.

SUCCHI

Dopo aver introdotto diversi cereali, provate qualche succo di frutta. Iniziate con il succo di mela, uva bianca o pera, preparato in casa con la centrifuga. Diluite il succo con la stessa quantità d'acqua e offriteglielo in un bicchiere con coperchio e beccuccio. Non mettete mai il succo nel biberon. Il succo è un terreno di coltura per i germi, visto il contenuto di zucchero, e quando i bambini succhiano continuamente dal biberon o sono messi a dormire con un biberon di succo si possono avere carie e anche infezioni alle orecchie.

Inoltre, secondo l'American Academy of Pediatrics, dando il succo nei biberon si può contribuire a un'alimentazione eccessiva, che può sfociare nell'obesità. Se il vostro bambino si tranquiilizza succhiando, provate il ciuccio. Iniziate con 30 ml e aumentate gradualmente fino a 120 ml di succo diluito finché il bambino non compie otto mesi. Dopo gli otto mesi, potete non diluire il succo, ma non datene più di 120 ml al giorno. Troppo succo rovinerebbe l'appetito del bambino e potrebbe provocare crampi e diarrea.

FRUTTA E VERDURA

Quando il bambino si è abituato ai cereali, provate qualche altro alimento nuovo. Iniziate con frutta o verdura o, ancora meglio, alternatele. Usate frutta e verdura ricche di vitamina C, come le pere e le patate dolci, cotte, pelate e ridotte in purea.
Per introdurre frutta e verdura usate lo stesso metodo dei cereali. Iniziate con 1 cucchiaio (15 g) a porzione. Dopo uno o due giorni, se non ci sono segnali di intolleranza o allergia, aggiungete un altro cucchiaio. Aumentate gradualmente la quantità a 2-4 cucchiai (circa 30-60 g) due volte al giorno (60-120 g al giorno in totale), in base all'appetito del vostro bambino.

 

 

 

Tratto da "Più di 200 baby pappe" di Karin Knight e Tina Ruggiero. Red!