Maskne, cos'è e a cosa è dovuto

Forse avete già sentito parlare di Maskne, o forse questo bizzarro termine vi risulta completamente nuovo. Cosa si intende con Maskne? Il termine Maskne deriva dall'unione delle parole mask ("mascherina" in inglese) e acne: Mask-ne, appunto!

Il Maskne infatti è una forma di acne dovuta al quotidiano utilizzo della mascherina. E' un disturbo della pelle che causa imperfezioni più o meno evidenti, come rossori, brufoli, punti neri e irritazioni in generale: una vera e propria alterazione cutanea figlia delle nostre nuove abitudini.

Maskne, perché si manifesta

La mascherina è un dispositivo di protezione che esiste già da tempo, ma la maggior parte di noi semplicemente ne ignorava l'esistenza. Oggi invece, nostro malgrado, sappiamo tutti cos'è, come si usa, come si indossa correttamente e siamo diventati esperti anche di tutte le diverse tipologie di mascherina presenti in commercio. Le mascherine infatti sono salite velocemente alla ribalta perché indispensabili nel periodo storico in cui ci troviamo. 

Insieme alla mascherina, sono comparsi nella nostra vita anche alcuni disturbi della pelle associati al suo utilizzo quotidiano, che possono essere raggruppati tutti sotto il termine Maskne. Parlando di Maskne infatti non ci si riferisce soltanto alla comparsa dei sintomi tipici dell'acne come brufoli o punti neri, ma si comprendono anche altre piccole alterazioni della pelle come arrossamenti, irritazioni e dermatiti.

Chi tra di noi è maggiormente colpito dall'acne da mascherina? Chi soffre o ha sofferto di acne o chi ha una pelle tendenzialmente più sensibile e reattiva, sarà più predisposto alla comparsa dei sintomi del Maskne. Ciò non significa che coloro che non hanno mai avuto particolari problemi cutanei siano esenti da questi piccoli effetti collaterali dell'uso della mascherina. Per quale motivo? Per via delle particolari condizioni ambientali che si creano sotto la mascherina.

Cosa succede alla pelle sotto la mascherina? Quando la mascherina aderisce al viso bene come dovrebbe, impedisce al respiro di liberarsi nell'aria (è o non è proprio questo il motivo per cui è importante indossarla?!) creando sotto la sua superficie un ambiente umido, caldo e poco ossigenato. Umidità, calore e scarsità di ossigeno sono proprio i tre maggiori colpevoli nel processo che porta al Maskne.

  • L'umidità genera un ambiente perfetto per la proliferazione dei batteri.
  • Il calore fa trasudare la pelle, con una conseguente maggior produzione di sudore e sebo che si accumulano sulla superficie, occludendo i pori.
  • L'ossigeno è fondamentale per far funzionare correttamente le cellule. Una scarsa ossigenazione infatti rende la pelle grigiastra, poco luminosa e dall'aspetto stanco.

Quindi, ricapitolando: la mascherina impedisce la corretta ossigenazione della pelle e l'accumulo di sebo e sudore nei pori e sulla superficie cutanea non può che soffocarla ulteriormente. Se a tutte queste condizioni si aggiunge il fatto che abbiamo creato un ambiente in cui i batteri si trovano perfettamente a loro agio, non è difficile capire perché si manifesta il Maskne

Rimedi contro l'acne da mascherina

Se anche tu hai notato un peggioramento delle condizioni della tua pelle negli ultimi mesi, in particolare nella zona di mento e guance, allora potresti soffrire di Maskne. Non temere: l'acne da mascherina è una condizione momentanea che si può migliorare o addirittura risolvere con alcuni semplici comportamenti.

La mascherina è al momento l'arma più efficace che abbiamo a disposizione e sicuramente farà parte delle nostre vite ancora per un po'. Questo non significa che, se soffri di Maskne, dovrai sopportare questa fastidiosa condizione fino all'arrivo di tempi migliori. Vediamo quindi come proteggere la pelle dalla mascherina grazie a semplici accorgimenti che ci permetteranno di convivere pacificamente con questa nuova presenza.

1. Indossa sempre una mascherina pulita

Che si tratti di una mascherina monouso o di cotone, la morale non cambia. Indossare spesso una mascherina nuova o pulita è importantissimo prima di tutto per la sicurezza nostra e di chi ci sta attorno, ma risulta fondamentale anche per combattere il Maskne. Sulla mascherina infatti proliferano sporco e batteri, che si depositano poi sulla superficie della cute, contribuendo a creare quelle condizioni descritte poco fa, ottimali per l'insorgere dei brufoli da mascherina.

2. Fai maggior attenzione all'alimentazione

E' oramai risaputo che alcune tipologie di alimenti possono aggravare condizioni preesistenti per via del loro effetto infiammatorio. I principali incriminati in questo senso sono latticini e zuccheri. Seguire una dieta equilibrata, senza eccessi né inutili privazioni, può contribuire a migliorare l'aspetto della nostra pelle.

3. Scegli rimedi naturali contro il Maskne

Prima di tutto, cerca di capire a cosa sono dovuti i brufoli sul mento e sulle guance. La loro comparsa può essere associata a diversi squilibri, ma se i primi segnali di acne sono spuntati fuori solo recentemente (e gli anni dei primi sbalzi ormonali li hai passati già da un pezzo!), quasi sicuramente si tratta si Maskne. In questo caso puoi alleviare i fastidi dell'infiammazione con rimedi naturali contro il Maskne: vediamo quali!

  • Gel di aloe vera, rinfresca la pelle e lenisce le infiammazioni, anche quelle causate da Maskne.
  • Oleolito di calendula, sfiamma e aiuta la cicatrizzazione delle più svariate alterazioni cutanee.
  • Oleolito di iperico, antibatterico e antinfiammatorio.
  • Oleolito di enotera, antinfiammatorio e riparatore, favorisce il rinnovo delle cellule.
  • Olio essenziale di tea tree, da applicare in maniera localizzata, esclusivamente sul brufolo. L'olio essenziale di tea tree è un potente antimicrobico ed è per questo un valido alleato nella lotta contro il Maskne e altre forme di acne in generale, ma è anche altamente irritante, quindi da usare con attenzione.

Se, al contrario, la tua acne è data da condizioni croniche e la mascherina ha solo peggiorato la situazione, è sempre consigliabile rivolgersi a uno specialista.

4. Adotta una beauty routine anti-Maskne

Si sa, la scelta di prodotti corretti per le proprie esigenze è sempre il punto di partenza per prevenire o alleviare le più disparate problematiche della pelle. Non è diverso in caso di acne da mascherina: mantenere un giusto equilibrio tra idratazione e purificazione, tra aggiungere e togliere, è fondamentale per combattere il Maskne. 

Non esiste una regola valida per tutti e la difficoltà sta proprio in questo, quindi è importante sperimentare, cambiare, provare di nuovo e non buttarsi giù se il metodo che si sceglie di seguire non dà subito i risultati sperati. Vediamo comunque quali sono gli accorgimenti da cui si può cominciare e i prodotti consigliati contro il Maskne.

Acne da mascherina, cosa fare e come curarla

Ogni beauty routine che si rispetti comincia con una corretta detersione. Pulire la pelle a fondo e regolarmente è fondamentale non solo per liberarla da sporco e batteri, ma anche per prepararla al meglio a ricevere i trattamenti successivi.

Ogni tipologia di pelle però, ha le sue specifiche necessità. Vediamo passo a passo la beauty routine corretta per la cura del Maskne e i prodotti consigliati in base alle caratteristiche della propria cute.

Primo step: la detersione

Per combattere l'acne da mascherina è sufficiente tenere a mente un'unica linea da seguire, valida per tutte le tipologie di pelle: non "eliminare" troppo con detergenti eccessivamente aggressivi, né troppo poco, con detergenti oleosi e senza risciacquo, i cui grassi della formulazione rimangono depositati sulla pelle.

Per una beauty routine anti-Maskne sono bocciati quindi latte detergente e struccanti a base oleosa che non prevedono risciacquo. Se la tua pelle ha bisogno di nutrimento non preoccuparti...a questo ci pensiamo nel momento della scelta dei trattamenti specifici!

I detergenti a base lipidica, per di più senza risciacquo, tenderanno a lasciare la loro componente grassa sulla superficie della cute, contribuendo all'ostruzione dei pori e impedendo una corretta pulizia.

Per combattere il Maskne, sono sconsigliati allo stesso modo detergenti con tensioattivi aggressivi e potenzialmente irritanti, come quelli a base di solfati. Con questa tipologia di prodotti infatti, otteniamo l'effetto opposto a quello desiderato: l'eliminazione eccessiva di sebo porta la nostra pelle ad avviare una produzione più consistente del normale. Per quale motivo? Poiché il sebo è un fattore di protezione per la cute e quando viene meno, la pelle ne aumenta la produzione per ripristinare le sue difese.

Cosa salviamo quindi? Per una corretta beauty routine contro il Maskne, il consiglio è quello di scegliere detergenti con tensioattivi delicati e che prevedono risciacquo. Se la tua pelle è estremamente delicata e reattiva, puoi provare in alternativa la detersione con Sapone di Aleppo con concentrazione di olio di alloro medio-alta.

Secondo step: il tonico

Chi ha l'abitudine di utilizzare regolarmente il tonico alzi la mano! Il tonico è un prodotto di cui ci si dimentica spesso, ma svolge tante funzioni utili, specialmente contro il Maskne e i fastidi che provoca:

  • Aiuta la pelle a mantenere un corretto grado di umidità.
  • Dona sollievo alla pelle irritata e arrossata.
  • Prepara la pelle a ricevere al meglio i trattamenti successivi.
  • Rinfresca e dona una maggiore sensazione di pulizia.

Ma quale tonico scegliere in caso di acne da mascherina? In commercio esistono varie tipologie, che possono essere suddivise in due categorie principali: i tonici a base alcolica e i tonici a base acquosa. I tonici a base alcolica sono sconsigliati per via dell'effetto potenzialmente irritante dell'alcol stesso che, inoltre, agevola la disidratazione della pelle...un effetto contrario a quello che vogliamo ottenere con questa routine di bellezza.

Vediamo quindi l'altra categoria, i tonici a base acquosa. Anche in questo caso, in commercio se ne trovano per tutti i gusti. Il tipo di tonico più adatto per il trattamento del Maskne è l'idrolato, un prodotto che non nasce esattamente con la funzione di tonico, ma che si presta a questo scopo in maniera eccellente.

Gli idrolati sono sostanze ottenute durante il processo di distillazione in corrente di vapore degli oli essenziali; mentre l'olio essenziale contiene i principi attivi oleosi della pianta, l'idrolato è un concentrato di tutti i suoi principi attivi idrofili, ovvero "amici" dell'acqua.

L'idrolato è quindi un prodotto 100% naturale e dalla struttura estremamente leggera, perfetto da utilizzare in caso di Maskne. Vediamo brevemente quali sono gli idrolati consigliati in base al tipo di pelle per alleviare i fastidi causati dall'acne da mascherina:

  • Idrolato di salvia o timo per le pelli grasse e impure.
  • Idrolato di hamamelis, lavanda o fiori di arancio per le pelli miste e/o arrossate.
  • Idrolato di camomilla o elicriso per le pelli sensibili e reattive.
  • Idrolato di rosa per la pelle molto secca o matura.

In caso di Maskne, l'idrolato può essere utile non solo nel corso della beauty routine quotidiana: spruzzare un idrolato sul viso durante la giornata, quando è possibile abbassarsi la mascherina, dona una sferzata di freschezza alla nostra pelle e allevia la sensazione di fastidio causata dalle irritazioni, portando un po' di sollievo.

Terzo step: il siero

Il siero è un prodotto estremamente versatile ed è proprio questa sua caratteristica che torna utile per la nostra beauty routine contro il Maskne. Nessuno ci obbliga ad utilizzare la crema per concludere correttamente una routine di bellezza: molti sieri hanno una formulazione già capace di fornire il giusto grado di idratazione, specialmente alle pelli tendenzialmente più grasse.

Se la tua pelle produce molto sebo nel corso della giornata e tende a diventare oleosa, puoi scegliere di applicare solo il siero, soprattutto nella beauty routine mattutina: in questa parte della giornata infatti, è importante non eccedere con i trattamenti per lasciare la pelle il più possibile libera di respirare.

Contro il Maskne quindi, alla mattina, scegli sieri specificatamente formulati per le pelli grasse, come quelli opacizzanti e purificanti. Se la tua routine di bellezza quotidiana prevede creme specifiche per l'acne, è meglio rimandare la loro applicazione alla sera.

Una novità che sta spopolando, perché molto efficace, apprezzato anche da personalità note e, soprattutto, economico, è il trattamento a base di niacinamide (o vitamina B3). La niacinamide è una sostanza che si è rivelata perfetta per le pelli grasse e miste poiché in grado di schiarire eventuali macchie lasciate dai brufoli, ridurre la produzione di sebo, velocizzare il processo di guarigione dei brufoli e migliorare la grana della pelle, uniformando l'incarnato.

Se, al contrario, la tua pelle è secca e disidratata, si consiglia di optare per sieri idratanti o per attivi puri come l'acido ialuronico

Ultimo step: la crema

Come abbiamo visto brevemente qui sopra, in una routine di bellezza contro il Maskne la crema non è sempre necessaria. Al mattino, la scelta migliore è quella di applicare meno prodotti possibile per lasciare la pelle libera di respirare, senza tuttavia incorrere nell'errore opposto, ovvero quello di lasciare la cute disidratata e poco elastica.

Ma esiste una crema per l'acne da mascherina? In realtà ne esistono tante, che possono avere funzioni anche molto diverse tra loro: tutto dipende da quali sono le esigenze della tua pelle!

Se la tua pelle è molto secca e disidratata ad esempio, nella tua beauty routine mattutina, puoi scegliere di applicare anche una crema successivamente al siero. Il consiglio è quello di optare comunque per formulazioni leggere, giusto per evitare quel fastidioso effetto "pelle che tira". Una crema perfetta in caso di Maskne e pelle secca è quella a base di bava di lumaca: questo principio attivo è considerato un anti-age, ma viene consigliato anche per combattere l'acne.

La bava di lumaca ha un effetto idratante ed elasticizzante, quindi anti rughe appunto, ed è perfetta per le pelli secche. Al contempo, è adatta anche per le pelli miste perché è in grado di accelerare la guarigione dei brufoli, aiutando a prevenire la formazione di macchie e schiarendo quelle già presenti.

Al contrario, se la tua pelle è tendenzialmente grassa oltre che acneica, per la tua routine di bellezza anti-Maskne mattutina preferisci un siero che sia in grado di fornire anche la giusta idratazione, evitando la crema e rimandando l'applicazione di trattamenti purificanti e prodotti specifici contro l'acne alla beauty routine serale.

Scrub e trattamenti esfolianti: sì o no?

Se soffri di Maskne, trattamenti quali scrub e peeling chimici potrebbero essere un'arma a doppio taglio.

Da un lato, hanno un elevato potenziale. La loro utilità sta nella capacità di eliminare le cellule morte che nel tempo si depositano sulla cute, permettendo una migliore ossigenazione della pelle. D'altro canto però, rischiano di avere un effetto eccessivamente aggressivo, sensibilizzando ulteriormente la pelle già irritata dai sintomi del Maskne.

Il consiglio è prima di tutto quello di verificare il proprio personale livello di tollerabilità a tali trattamenti: se dopo un tentativo la pelle si arrossa e rimane irritata a lungo, meglio evitare. Se invece la tua cute sembra tollerare bene questo "stress", meglio scegliere scrub meccanici molto delicati oppure optare per peeling chimici, come quelli a base di acido glicolico in percentuale non troppo elevata (intorno al 10%). 

Qualsiasi sia la tua scelta, evita di sottoporre la tua pelle a questo stress troppo spesso: una volta ogni dieci giorni è più che sufficiente.

Consigli per prevenire l'acne da mascherina

Come abbiamo detto, il Maskne è un problema momentaneo e risolvibile, ma questo non significa che non dobbiamo fare il possibile per evitarlo. Vediamo come prevenire l'acne da mascherina con qualche semplice accorgimento:

  • Utilizza sempre una mascherina pulita.
  • Evita di toccare spesso il viso con le mani.
  • Scegli una beauty routine corretta per il tuo tipo di pelle e le tue esigenze.