L'impiego delle piante per la cura delle malattie e per la bellezza rappresenta la forma di terapia più antica del mondo. Dagli albori dell' umanità la conoscenza dei rimedi a base vegetali si è tramandata di generazione in generazione. Le più antiche erbe medicinali, di cui si è a conoscenza sono state ritrovate in Cina e risalgono probabilmente a 3000 a. C., e sono quasi contemporanee al primo papiro egizio che testimonia l'uso delle erbe medicinali. I rimedi fitoterapici hanno rappresentato la fetta più consistente della medicina, sia in Oriente che in Occidente. Ancora oggi circa il quaranta per cento delle medicine di sintesi sono la variante chimica dei principi vegetali.

La cura dei capelli

Per avere dei capelli belli e sani prima di tutto bisogna tenerli il più possibile all' aria, al sole, alla luce, non soffocarli in pettinature e con cappelli. Poi dovete mangiare alimenti che contengono vitamine del gruppo B.

Ricostituente per capelli: fate bollire due o tre piante di ortiche in 1 l e mezzo di acqua, per 20 m. Fate lo shampoo normalmente e poi risciacquate con il decotto di ortiche.

Per ridare colore ai capelli castani: Preparare un decotto con una manciata di foglie di noce e di castagno tritate in 1 l. d'acqua. Prendere le foglie, spremerle e mescolarle con dell'argilla in polvere e stendere l'impiastro sui capelli bagnati. Lasciare seccare per 10 m. tenendo la testa avvolta in un foglio di alluminio o pellicola, scaldare i capelli con il phon. Sciacquare bene i capelli con l'acqua del decotto.

Per dare riflessi ramati ai capelli castani: Far bollire dei pezzi di radice di henné in 1 l. d' acqua e lavare i capelli. Per avere riflessi molto intensi sciogliere l'henné in acqua sino ad ottenere una pappetta applicatela sui capelli, lasciatela per 20 m. poi sciacquate. L' henné è anche curativo, era già noto agli antichi Egizi, rinforza i capelli e li rende più morbidi.

Per ravvivare il colore dei capelli biondi: Sciacquare con un infuso forte di camomilla romana. Oppure preparare un decotto con due cucchiai di foglie triturate di tasso barbasso, bollite per 20 m. in 1l. d'acqua, sciacquare i capelli ogni volta che si lavano.

Per rendere i capelli brillanti: Risciacquare i capelli in 1 l. d' acqua piovana in cui versate il succo di un limone e due cucchiai d' aceto. L' odore dell' aceto, che può risultare sgradevole svanirà quando i capelli saranno asciutti.

Per rinforzare i capelli: fate bollire 2 o 3 piante di ortiche in 1l. e mezzo d'acqua. Risciacquate i capelli dopo averli lavati come d'abitudine. Oppure potete usare un decotto di radici di ortica, due manciate in 1l. d'acqua, fate bollire per 15 m.

 

 

Per capelli ispidi
Impacco di olio di semi di lino caldo, applicate su tutta la lunghezza dei capelli e lasciate in posa per 30 m. Poi sciacquate con acqua e aceto di sidro.

Per capelli opachi
Mettete in un vaso di vetro una tazza di miele grezzo, aggiungete mezza tazza di olio, due cucchiai di succo di limone. Chiudete il vaso e sbattete. Lasciate riposare per qualche ora. Poi massaggiate i cuoio capelluto, pettinando i capelli. Raccogliete i capelli e avvolgeteli in una pellicola trasparente. Lasciate in posa 30 m. poi lavate i capelli con uno shampoo alle erbe.

Per capelli sottili
Fate bollire una tazza di mais in 1l. d'acqua, per 10 m. usate l'acqua di bollitura del mais come lozione per massaggiare il cuoio capelluto, lasciate agire per un quarto d'ora poi sciacquate.

Maschere di Bellezza

Le maschere vanno stese sul viso ben pulito e preparato con qualche spugnatura tiepida, dalla radice dei capelli alla base del collo. Si tengono 20 m. circa e bisogna stare sdraiati per distendere i muscoli. Le maschere si tolgono con acqua tiepida, poi tamponate il viso senza strofinare. Dopo aver applicato la maschera usate il residuo per le mani. Se la maschera è troppo liquida aggiungere della farina o se volete sbiancare il viso, della fecola di patate. Invece, se volete un' azione emolliente usate la farina gialla. Oppure potete applicare la pappetta su diversi quadrati di fazzoletti di carta o di garza e poi metterli sul viso come un impacco. Se avete la pelle che si disidrata aggiungete sempre un cucchiaino di olio di mandorle.

Maschera al miele: Sbattete un cucchiaino di miele con un cucchiaino di succo di limone, stendete sul viso e sul collo. Tenere per 20 m. e poi sciacquare con acqua tiepida.

Maschera al lievito di birra: Rigenera la pelle 

Stemperare 20 gr. di lievito di birra in 1-2 cucchiaini di acqua . Stendete sul viso e sul collo massaggiando delicatamente. Dopo la maschera stendete della crema nutriente.

Maschera nutriente: Un cucchiaio colmo di farina di avena, con 1/2 cucchiaino di succo di limone sbattuto con un cucchiaino di olio di oliva. Potete sostituire al limone un po' di polpa di pesca ridotta in poltiglia.

 

 

Maschera sbiancante: Renderà la pelle liscia, morbida e luminosa. Mescolare un cucchiaio di fecola di patate con della panna, quanto basta per ottenere una pastella densa da stendere sul viso e sul collo. Tenerla per 10 m. poi toglierla con una spugnetta bagnata.

Maschera per pelli grasse: E' una crema che nutre e rende compatta la pelle. Mescolate 2-3 cucchiai di latte con il succo di 1/2 limone e lasciare riposare per una giornata. Otterrete una crema liscia e soda, stendete sul viso.

Maschera emolliente: Cuocete un cucchiaio di riso per 30-40 m. fino ad ottenere una specie di polenta, poi stendetela su dei fazzoletti di carta e poneteli sul viso, tenete per 20 m., sciacquate con acqua tiepida.

Maschera per pelli acneiche: Sciogliete l'argilla con un poco di acqua sino ad ottenere una pastella non troppo dura, stendetela sul viso e stendetevi per 20 m. L'argilla tende ad inaridire la pelle, quindi conviene stendere uno strato di crema nutriente prima della maschera. Per ottenere buoni risultati fare un ciclo di dieci applicazioni.

Maschera al limone: Tonifica e rinfresca, è utile come calmante per la pelle arrossata. Tagliate un quadrato di polpa di limone  schiacciate e applicare sul viso e sul collo.

Maschera all'uvaRassoda la pelle.

Tagliate a metà un acino d' uva, togliete i semi e passate sul viso più volte.

Maschera alla melaPer pelli grasse.

Sbucciate e grattugiate una mela, schiacciatela con la forchetta. Applicare sul viso e sul collo, con una garza.

Maschera alla pera: Per pelli molto grasse.

Schiacciate mezza pera matura, stendete la polpa sul viso e sul collo, lasciate asciugare.

Maschera alla banana: Per pelli secche.

Schiacciate mezza banana, unite due gocce di succo di limone, applicate sul viso e sul collo.

Maschera alle noci: Per pelli secche.

Pestate finemente sei gherigli di noce pelati, metteteli a macerare in due cucchiai di panna per tre o quattro ore. Frullate il tutto e mescolare con un cucchiaio di miele. Aprite bene i pori facendo spugnature di acqua tiepida. Stendere il composto su sei garze e applicare due sulle guance, una sulla fronte, una sul mento, due sul collo.

Maschera alla carota: E' adatta per ridare colore ad un viso abbronzato e per nutrire un viso con pelle fragile.

Grattugiate una carota aggiungete un cucchiaio di latte e far macerare per più di un ora. Poi schiacciare la carota con una forchetta, inclinate il recipiente e raccogliete il liquido in una tazza. Passare con un batuffolo di cotone bagnato di succo sul viso, sul collo e sulla parte alta del petto e della schiena, più volte. Poi truccatevi e sembrerete un indios!

Maschera al carciofo: E' adatta per stimolare la circolazione del sangue.

Pulite un carciofo e togliete le foglie dure. Frullatelo e riducetelo a pappetta, aggiungere qualche goccia di limone e un cucchiaio di yogurt. Stendete sul viso e sul collo, tenete per 20 m.

Maschera alla melanzana: Ha un'azione calmante, rende levigata la pelle.

Schiacciate con una forchetta la polpa di una melanzana e passatela sul viso, tenetela per 20 m., poi sciacquate con acqua tiepida.

Maschera al pomodoro: Per pelli grasse.

Pelate un pomodoro, strizzate l'acqua e i semi, schiacciatelo con una forchetta, potete passarlo al colino. Applicare su delle garze.

 

 

 

Tratto da "Le erbe della bellezza" di Raffaella Mangino. I manuali di Naturamente.