Curiosità che non sapevi sulla mandorla

La mandorla è un alimento tradizionale della cucina siciliana tuttavia ha un'origine orientale. Il mandorlo (Prunus dulcis) venne infatti importato in Sicilia dai Fenici ed è per questo che i suoi semi erano noti con il nome di noci greche.

Il mandorlo fiorisce da gennaio a marzo e per via di questa sua precocità è ritenuto dalla tradizione ebraica e cristiana un simbolo di nascita e di redenzione. Ricorre infatti spesso nelle sacre scritture e nell’iconografia Medioevale come allegoria della divinità.

La parola mandorla deriva dal termine greco amygdálēe. Per via della conformazione ovoidale e allungata dell’area cerebrale preposta alle emozioni, è stato affidato ad essa il nome di amigdala.

Il mandorlo è un albero largamente prodotto e consumato nell’area mediterranea, predilige climi temperati e terreni ben drenati. La raccolta delle mandorle viene eseguita manualmente da agosto a settembre.

Le migliori proprietà benefiche della mandorla

  • Energia: la mandorla, come tutta la frutta secca in genere, è un alimento sano e fortemente energizzante. Ha un apporto calorico notevole e per questo va assunta giornalmente in una dose non superiore ai 30 grammi. Contiene una dose elevata di grassi e una buona quantità di proteine e carboidrati. È uno snack ideale per chi affronta allenamenti sportivi e per gli stati di spossatezza e stress.
  • Fortifica le ossa e il cuore: grazie all’elevato contenuto di calcio, la mandorla è un alleato prezioso per chi soffre di osteoporosi. Contribuisce inoltre a ridurre il colesterolo dannoso migliorando il benessere del cuore e delle arterie.
  • Migliora la pelle e l’intestino: sia sulla pelle che sugli organi intestinali la mandorla agisce da antibatterico e antinfiammatorio naturale. La presenza di antiossidanti contribuisce inoltre a mantenere giovani le cellule del corpo e a prevenire l’insorgenza delle rughe. È una buona fonte di fibre e favorisce quindi i processi digestivi.
  • Fonte di vitamine e minerali: la mandorla è particolarmente ricca di vitamine del gruppo B e di vitamina E; contiene una quota notevole di Potassio, Fosforo e Magnesio e contribuisce per questo alla regolazione della pressione sanguigna e alla prevenzione delle contrazioni muscolari.

 

Valori nutrizionali per 100 g di Mandorle
Valore energetico 595 Kcal
Grassi totali 52,05 g
Carboidrati 21,2 g
Proteine 21,06 g
Fibre 10,09 g
Zuccheri 4,93 g
Acqua 2,53 g
Ceneri 3,15 g
Colesterolo 0 mg
Calcio 267 mg
Sodio 3 mg
Fosforo 470 mg
Potassio 712 mg
Ferro 3,83 mg
Magnesio 281 mg
Zinco 3,3 mg
Rame 1,11 mg
Manganese 2,314 mg
Selenio 2,3 mcg
Tiamina, vitamina B1 0,084 mg
Riboflavina, vitamina B2 0,967 mg
Niacina, vitamina B3 o PP 3,553 mg
Acido Pantotenico, vitamina B5 0,322 mg
Piridossina, vitamina B6 0,127 mg
Folati totali 53 mcg

Consigli su come acquistare e usare la mandorla

La mandorla si trova in commercio in numerose tipologie diverse a seconda della varietà e della lavorazione: vediamo come riconoscerle e quali scegliere.

Allo stato naturale la mandola è racchiusa da un guscio. Le mandorle in guscio sono dunque quelle sottoposte a minori processi di lavorazione e di raffinazione.

Tra le mandorle sgusciate si possono invece distinguere diverse tipologie a seconda della lavorazione subita. Le più note sono forse le mandorle pelate, ovvero quelle dal caratteristico colore biancastro.

Sono indicate soprattutto per le preparazioni di pasticceria in quanto conferiscono ai dessert un colore tenue e delicato. Possono essere acquistate intere, affettate o sotto forma di granella e sono particolarmente apprezzate per guarnire e decorare i dolci.

La farina di mandorle pelate è un ingrediente centrale e indispensabile per la preparazione del marzapane. Può essere ottenuta anche facilmente in casa tritando le mandorle con l’ausilio di in un mixer.

Le mandorle con la buccia hanno invece un colore marroncino chiaro e sono quelle più ricche di nutrienti. Come accade infatti per quasi ogni tipo di frutta e verdura, la buccia contiene molte sostanze benefiche e preziose per l’organismo umano. Secondo le ricerche scientifiche è proprio grazie a questa buccia che la mandorla ha la capacità di stimolare le difese immunitarie.

Altre due tipologie di mandorle molto amate e apprezzate sono quelle salate e quelle tostate: le prime possono essere impiegate come veloce spuntino o aperitivo; le seconde si prestano bene per le preparazioni di secondi piatti o per arricchire gli impasti di pane, crostini e focacce.

I segreti dei suoi prodotti derivati: olio e latte di mandorla

Le proprietà emollienti della mandorla sono particolarmente apprezzate e sfruttate in campo cosmetico per la preparazione di prodotti di bellezza.

L’olio di mandorla – insieme ad altri olii naturali come quello di argan, quello di cocco e quello di jojoba – offre sulla pelle una sensazione di nutrizione e idratazione. Ha un’azione anti-aging sulle pelli mature e grazie alle sue proprietà elasticizzanti è utile in caso di smagliature. È adatto anche sulle pelli delicate dei bambini e sui capelli secchi e rovinati.

Il latte di mandorla è un prodotto genuino di origine vegetale. È ricco di vitamine e minerali ed è spesso usato in sostituzione del latte vaccino. È privo di glutine e di lattosio ed è per questo molto amato da vegani e da celiaci.

Scopri di più sulle virtù di questo latte: Latte di Mandorla - Proprietà, Benefici, Utilizzi