Cos'è il Ganoderma Reishi?

I Ganoderma Lucidum o "Reishi" consistono in due specie di fungo, Reishi rosso e Reishi nero le cui proprietà sono ritenute miracolose.

Il Reishi è un fungo saprofita della quercia e del castagno, che necessita per vivere di un substrato legnoso in decomposizione.

Il Reishi rosso ha il cappuccio più scuro nella porzione centrale mentre allargandosi assume colorazioni giallo chiaro; il reishi nero è invece di dimensioni più piccole, caratterizzato da una forma più irregolare ed è di colore bruno.

Il Ganoderma Lucidum è coltivato prevalentemente in Cina e Giappone anche se si è fortemente diffuso anche in America.

La coltivazione, tenendo conto che il Reishi cresce solo a contatto con legno di quercia o castagno parzialmente decomposto, si avvale di due tecniche:

  • In bottiglia: per inserimento delle spore nella pasta di legno.
  • In scatola: per inserimento delle spore su pezzi di tronco posizionati in contenitori sempre di legno.

Proprietà e benefici del Ganoderma Reishi

Il Reishi è un fungo officinale utilizzato da secoli in varie tecniche mediche orientali.

I principi attivi maggiori sono:

  • Beta Glucani: molecole che stimolano le difese immunitarie.
  • Peptidi anti-allergici: ipocolesterolemizzanti ed ipotensivi.
  • Acidi ganoderici o triterpeni: sostanze in grado di contrastare le rezioni allergiche limitando la produzione di istamina.

Sono inoltre presenti polisaccaridi e glicoproteine, nucleotidi, ergosteroli, acidi grassi, peptidi.

Si rintracciano inoltre minerali come ferro, zinco, rame, manganese, magnesio, potassio, calcio e germanio, presente, quest’ultimo in elevate quantità che spiega molti dei suoi effetti benefici sulla salute.

Si trovano inoltre vitamina B, amminoacidi, glucosio, galattosio, mannosio, adenosina.

Tra le maggiori proprietà vi sono quelle: analgesiche, antiallergiche, antinfiammatorie, antiossidanti, antitumorali, ipotensive, ipocolesterolemizzanti, cardio-toniche, antidepressive, mucolitiche, quelle in grado di migliorare la funzione surrenalica ed altre.

Controindicazioni e assunzione del Ganoderma Reishi

Talvolta il ganoderma è associato come integratore in terapie molto complesse poiché in grado di migliorare numerose condizioni cliniche, nonostante non sia un farmaco si consiglia di consultare il medico in presenza di condizioni particolari dal momento in cui presenta alcune controindicazioni: per esempio, sebbene sia noto l’effetto benefico sul sistema immunitario se ne sconsiglia l’assunzione in pazienti immunodepressi o immunosopressi o, ancora, in gravidanza e allattamento non se ne conoscono gli eventuali effetti collaterali, motivo per cui è bene valutare con un professionista l’eventuale assunzione.

In condizioni di “fisiologia” si raccomanda l’assunzione di Reishi quotidianamente, meglio se alla mattina a stomaco vuoto e associato a vitamina C (acido ascorbico) che aiuta la digestione dei carboidrati dei funghi.

E’ inoltre consigliabile anche associare una buona quantità di acqua per favorire il lavoro renale.

Il Reishi esplica maggiori funzioni e comporta miglioramenti in base alle condizioni generali del soggetto: se l’organismo viene posto a condizioni ottimali di stile di vita e alimentazione i primi miglioramenti sono visibili già circa dopo 10-15 giorni.

Qualità e forme

La qualità dell’integratore dipende principalmente dalla coltivazione e dal metodo di estrazione del principio attivo.

Il Ganoderma può essere consumato anche in forma alimentare: a questo proposito per conservare il fungo è necessario tagliarlo ed essiccarlo.

Le modalità di cottura sono la bollitura per le zuppe o mediante infusione per le bevande.

E’ bene ricordare che un integratore di buona qualità contiene più principio attivo rispetto il fungo utilizzato come normale alimento.