Scopri subito tutta la nostra frutta! Potrai leggere il resto con calma.

 

Oggigiorno viviamo in un mondo in cui è sempre più difficile trovare ed apprezzare i sapori che la natura spontaneamente ci offre. Siamo assuefatti ai ritmi frenetici che la società ci impone e, anche nel fare la spesa o comprare un semplice cesto di frutta, preferiamo adeguarci alle molteplici scelte del supermercato sotto casa, sempre ricco di ogni varietà possibile e immaginabile, senza pensare a quale sia effettivamente la frutta migliore da consumare in un determinato periodo dell’anno. Lo stesso vale anche per i derivati della frutta, quando è stata l’ultima volta che hai bevuto un vero succo di frutta biologico o un frullato veramente naturale.

Perché è importante scegliere la frutta di stagione

Le motivazioni che devono condurci ad una scelta del genere sono davvero tante, e soprattutto possono generare benefici molteplici, sia per la nostra salute, che per l’ambiente circostante. Il tutto senza dimenticare uno sguardo alla variabile economica; infatti non è certamente prioritaria, ma neppure trascurabile, l’idea di risparmiare qualche soldino. Proviamo però a chiarire ed approfondire questi concetti.

  1. Assenza o quantità ridotta di pesticidi. L’attenzione ai temi della salute è sempre più elevata, le persone comprendono quanto sia importante salvaguardare il proprio benessere fisico e lo fanno consumando quantità sempre maggiori di frutta. Benissimo, tutto corretto da un punto di vista concettuale. Allo stesso tempo bisogna tenere in considerazione il fatto che la frutta di stagione cresce più forte in maniera naturale, non è vittima degli attacchi di insetti e parassiti e, di conseguenza, ha bisogno di pochissimi pesticidi per arrivare ad una maturazione ottimale.
  2. Aumento delle proprietà benefiche. Direttamente collegato al punto precedente è l’aumento delle proprietà benefiche per il consumatore. La frutta di stagione è molto più ricca di principi attivi e sostanze nutrienti rispetto a quella coltivata fuori periodo. Lo stesso discorso vale anche per l’apporto calorico, commisurato e proporzionale rispetto alla stagione dell’anno in cui i frutti vengono raccolti in base al loro ciclo di vita.
  3. Sapore migliore. Probabilmente non è neppure necessario spiegare che un’albicocca mangiata a dicembre è meno gustosa di quella consumata in primavera. Analogo discorso può essere fatto con riferimento ai pomodori, alle ciliegie o all’anguria. Ogni frutto ha la sua stagione, ed è solo in quella stagione che manifesta le sue migliori qualità, sia per quanto riguarda il gusto che l’aroma o il profumo. Fanno eccezione i cosiddetti frutti esotici (pensiamo ad esempio all’ananas) che, provenendo da paesi molto lontani, arrivano sulle nostre tavole in qualsiasi periodo dell’anno, e forse non abbiamo mai assaggiato il loro “reale” sapore.
  4. Rispetto per l’ambiente e la terra. Purtroppo per rispettare l’ambiente si dovrebbe scegliere innanzitutto frutta coltivata in luoghi vicini a noi. È impossibile, infatti, non considerare l’impatto ambientale dei trasporti di lungo raggio, per i quali vengono utilizzati prevalentemente combustibili fossili. Stessi combustibili che alimentano anche i sistemi di riscaldamento, raffreddamento e illuminazione delle enormi serre costruite per concederci il lusso di mangiare una zucchina durante le feste di Natale: una cosa del tutto innaturale! Rispettare l’ambiente, quindi, significa scegliere frutta compatibile non solo con la stagione in corso, ma anche con il nostro contesto climatico.
  5. Risparmio economico. Perché mangiare frutta di stagione costa meno? La risposta è più ovvia di quanto sembra, ma per essere chiari possiamo citare un report Coldiretti prodotto nel 2009. In questo report possiamo notare, ad esempio, che un’albicocca mangiata a dicembre deve arrivare dall’Australia. Ciò vuol dire: 16.000 Km di distanza, 9,4 kg di petrolio per ogni Kg di prodotto trasportato e la contestuale emissione di 29,3 kg di CO2 nell’atmosfera. Ovviamente le spese di trasporto vengono caricate sul costo di vendita finale e ricadono interamente sul consumatore. Ragionamento identico può essere fatto per la produzione in serra; in questo caso, infatti, i costi di trasporto sono semplicemente sostituiti da quelli energetici necessari alla produzione. 

Anche non volendo prendere in considerazione le conseguenze negative sulla salute, siamo certi che tutti hanno una forte sensibilità alle maggiorazioni di prezzo, soprattutto nei momenti di crisi e difficoltà economiche.

Vediamo quindi quali sono i migliori frutti selezionati in base alle 4 stagioni!

Primavera 

Tutta la frutta stagionale dei mesi primaverili

Frutta della Primavera

 

 

Marzo

 

 

Arance, Banane, Kiwi, Limoni, Mandarini, Mele, Pere

 

 

Aprile

 

 

Arance, Banane, Fragole, Kiwi, Limoni, Mele, Nespole, Pere

 

 

Maggio

 

 

Arance, Banane, Ciliegie, Fragole, Kiwi, Mele, Nespole

 

 

Giugno

 

 

Albicocche, Banane, Ciliegie, Fragole, Limoni, Mirtilli, Nespole, Pesche, Ribes, Susine

 

Estate 

Tutta la frutta stagionale dei mesi estivi

Frutta dell'Estate

 

 

Giugno

 

 

Albicocche, Banane, Ciliegie, Fragole, Limoni, Mirtilli, Nespole, Pesche, Ribes, Susine

 

 

Luglio

 

 

Albicocche, Angurie, Banane, Ciliegie, Fichi, Fragole, Lamponi, Limoni, Meloni, Mirtilli, Pere, Pesche, Ribes, Susine

 

 

Agosto

 

 

Albicocche, Angurie, Banane, Fichi, Fragole, Lamponi, Mele, Meloni, Mirtilli, More, Pere, Pesche, Pistacchi, Ribes, Susine, Uva

 

 

Settembre

 

 

Banane, Datteri, Fichi, Fichi d'India, Giuggiole, Melagrane, Mele, Mirtilli, Meloni, Pere, Pomeli, Pesche, Pistacchi, Ribes, Susine, Uva

 

 

Autunno 

Tutta la frutta stagionale dei mesi autunnali

Frutta dell'Autunno

 

 

Settembre

 

 

Banane, Datteri, Fichi, Fichi d'India, Giuggiole, Melagrane, Mele, Mirtilli, Meloni, Pere, Pomeli, Pesche, Pistacchi, Ribes, Susine, Uva

 

 

Ottobre

 

 

Banane, Cachi, Datteri, Giuggiole, Castagne, Cedri, Limoni, Melagrane, Mele, Pere, Pomeli, Pistacchi, Uva

 

 

Novembre

 

 

Arance, Avocado, Banane, Cachi, Castagne, Cedri, Kiwi, Limoni, Mandaranci, Mandarini, Mele, Pere, Pomeli

 

 

Dicembre

 

 

Arance, Avocado, Banane, Cachi, Cedri, Kiwi, Mandaranci, Mandarini, Mele, Meloni, Pere, Pomeli, Pompelmi

 

Inverno

Tutta la frutta stagionale dei mesi invernali

Frutta dell'Inverno

 

 

Dicembre

 

 

Arance, Avocado, Banane, Cachi, Cedri, Kiwi, Mandaranci, Mandarini, Mele, Meloni, Pere, Pomeli, Pompelmi

 

 

Gennaio

 

 

Arance, Banane, Kiwi, Mandaranci, Mandarini, Mele, Pere, Pomeli, Pompelmi

 

 

Febbraio

 

 

Arance, Banane, Kiwi, Mandaranci, Mandarini, Mele, Pere

 

 

Marzo

 

 

Arance, Banane, Kiwi, Limoni, Mandarini, Mele, Pere

 

 

scarica il calendario completo in pdf

 

Scritto da Lo staff di Sorgente Natura