Come coltivare le fragole

Il periodo ideale per la coltivazione delle fragole è la primavera. Far crescere e curare questa pianta è abbastanza semplice e lo si può fare direttamente in vaso, nell’orto o nel giardino di casa. Non sono infatti piante sensibili al freddo e possono maturare anche in presenza di temperature poco ospitali. L’habitat ottimale per questa coltura è un terreno drenato, arricchito con la concimazione e che si trovi in una zona a mezz’ombra.

Le piantine devono essere ben distanziate tra loro, interrante ad una profondità di circa dieci centimetri e coperte soltanto in caso di eccessivi cali delle temperature. L’innaffiatura deve essere generosa e frequente evitando però di inumidire le foglie e il generarsi di ristagni d’acqua. La raccolta inizia in genere con il concludersi della primavera e prosegue poi durante tutta la stagione estiva.

Valori nutrizionali e proprietà

Per chi non soffre di allergia, le fragole sono un frutto del tutto privo di controindicazioni ed effetti collaterali. L’unica accortezza da tenere a mente è quella di evitarle in presenza di gastrite, ulcera o colite. Possono essere consumate anche in gravidanza e allattamento e permettono di fare il pieno di vitamine e di sali minerali. Tre le sostanze nutritive contenute in maggiore quantità troviamo fosforo, potassio, magnesio, calcio, vitamina C, vitamina A, antociani e licopeni.

Date queste premesse, le fragole sono utili per la prevenzione dell’invecchiamento cellulare (e quindi per la comparsa delle rughe), per la diuresi, per la vista e per chi si trova in condizioni di stanchezza e affaticamento fisico. Altre sostanze presenti in questo frutto sono inoltre coinvolte nella regolazione del colesterolo e della pressione sanguigna e favoriscono quindi, come del resto tutta la frutta di colore rosso, il benessere del cuore. Sono infine indicate anche per chi soffre di diabete.

Ulteriori benefici che si potrebbero riscontare dal loro utilizzo sono la riduzione della cellulite, la depurazione dell’organismo, la diminuzione delle infiammazioni e il rinforzo dei tessuti ossei e connettivi. Le fragole fanno bene anche in caso di reumatismi e sono oltretutto vantaggiose per chi segue regimi alimentari indirizzati alla perdita di peso.

3 ricette veloci, buone e originali:

Le fragole, come si sa, sono un frutto davvero goloso e non è per questo difficile trovare un modo ghiotto per assaporarle. Che le si mangi a merenda, a colazione o a fine pasto, sono sempre gradite sia da grandi che da piccini. Le fragole sono buone sia da sole che con un po’ di panna o di mascarpone.

Possono essere inoltre integrate in una macedonia di frutta, essere ricoperte di cioccolato, fatte caramellate, sciroppate o ancora essere utilizzate come ingrediente principale di marmellate, crostate, torte, mousse e un’infinità di altre preparazioni.

Quelli sopra elencati sono però gli abbinamenti e le ricette più classiche. Vediamo ora tre modi semplici ma altrettanto invitanti per portare in tavola questo frutto senza appesantirlo con troppe calorie.  

 

Fragole all'arancia

Questo concentrato di vitamine e antiossidanti è ideale per iniziare la giornata con la giusta carica di energia. È una straordinaria fonte di vitamina C e facilita quindi la salute cardiovascolare e la giovinezza della pelle. Per prepararlo bastano davvero pochi minuti e può essere trasformato anche in un frullato con la semplice aggiunta di una banana. 

Ingredienti per circa 500 ml di succo:

  • 4 arance navel sbucciate 
  • 300 g di fragole
  • 1/2 lime spremuto
  • 1 cucchiaio di maqui 
  • dolcificante a piacere

Preparazione:

Spremete insieme le arance e le fragole. Mescolate con il succo di lime e la polvere di maqui. Assaggiate e aggiungete stevia (o il dolcificante preferito) se necesario.

 

Acqua fresca con fragole e lime

La ricetta che segue è una bevanda dissetante, fresca e leggera da bere in qualsiasi momento della giornata. Si tratta infatti di un'acqua aromatizzata alla frutta che può essere sorseggiata durante tutto il giorno al posto dall'acqua naturale. È utile soprattutto per chi segue una dieta detox o dimagrante in quanto aiuta a purificare l'organismo dalle tossine e a riattivare il metabolismo. Per una azione ancora più mirata si possono sostituire 80 ml di acqua con del succo di cetriolo fresco.

Ingredienti per circa 2 l:

  • 300 g di fragole (meglio se congelate)
  • 2 lime tagliati a fettine sottili
  • 2 l di acqua non filtrata
  • dolcificante a piacere (facoltativo)

Preparazione: 

Mettete la frutta in una brocca grande, versate l'acqua e mettete in frigorifero per almeno 2 ore. Dolcificate a piacere usando la stevia o un altro dolcificante, se volete. Meglio servire il tutto dopo aver filtrato e con ghiaccio. Si manterrà in frigorifero per vari giorni.

 

Spritz di vino e fragole

Questo cocktail unisce l'azione disintossicante del kombucha alle virtù delle fragole dando vita così ad un mix insolito ma molto salutare. Questa miscela, servita durante una cena o un aperitivo, permette di offrire agli ospiti una bevanda creativa realizzata con ingredienti sani e genuini.

Ingredienti per circa 2 l:

  • 600 g di fragole 
  • 350 ml di vino bianco leggero (come un Pinot grigio, un Sauvignon bianco o altri bianchi secchi)
  • 350 ml di kombucha senza sapori additivi o allo zenzero
  • dolcificante a piacere

Preparazione:

Spremete le fragole. In una brocca, mettete il succo, il vino bianco e il kombucha e mescolate. Dolcificate a piacere usando la stevia o un altro dolcificante, se volete. Servite fresco, con ghiaccio. Per un tocco in più, mescolate 1 cucchiaio di aronia per aumentare il contenuto di antiossidanti.

 

Ricette tratte da "Super succhi" di Julie Morris. Macro Edizioni.