Rimedio naturale ai danni di stagione

L’inverno non arriva mai da solo, è sempre accompagnato da qualche virus, raffreddore, febbre, infezioni. C’è chi inizia a star male già in autunno, chi riesce a sopravvivere fino a Natale, chi pensa di avere una gran difesa immunitaria e finisce per ammalarsi giustappunto durante le vacanze sulla neve!

Si rincorre il medico, che invece sta sempre bene, per farsi prescrivere medicinali, antibiotici, antinfiammatori. Non sarebbe più giusto prevenire piuttosto che curare? O farsi aiutare ancora una volta dalla Natura? Gli agrumi, le patate dolci, i peperoni sono buoni integratori di vitamina C, l’aglio o l’echinacea sono antivirali, l’erisimo combatte le infezioni alle vie respiratorie.

L’erisimo è il tema centrale di questo articolo: è un grande alleato per la salute della gola e di tutto l’apparato respiratorio. E’ quel cespuglio vigoroso che si può trovare ovunque, tutto l’anno: in campagna, sul ciglio della strada, alle porte della città. I suoi fiori sono piccoli e gialli, uniti in grappoli; se privi di pesticidi, dopo averli raccolti, si possono lasciare agire in acqua bollente per una tisana benefica alle vie respiratorie.

Perchè viene soprannominata Erba dei Cantanti

 

Questa pianta è conosciuta anche con altri nomi come rapino, cima amarella, erba cornacchia. La parola erisimo deriva dal greco Eruo e Oimos, letteralmente “io salvo il canto”, a dimostrazione di come fosse già conosciuta fin dai tempi antichi, per le sue notevoli proprietà espettoranti e antinfiammatorie (era assai diffusa tra oratori, attori di teatro). Ancora oggi molti, tra speaker, cantanti, conferenzieri, doppiatori, che fanno della voce il proprio strumento di lavoro, si affidano alle cure dell’erisimo per i malanni di stagione: raucedine, tosse, mal di gola, afonia, conseguenze causate da laringiti, faringiti, tracheiti. Anche le gole infiammate dei fumatori possono trovare sollievo con questa pianta medicinale.

Uso terapeutico

 

La forma terapeutica più indicata è la tisana di erisimo, una volta al giorno per un mese: lasciare in infusione per circa 20 minuti. Questo permette non solo di curare ma anche di prevenire.

In commercio non mancano soluzioni più veloci, per chi non ha tempo: si possono trovare compresse di erisimo, tintura madre, sciroppo (ideale per bambini).

 

L’erisimo può essere associato anche ad altre piante, per un’azione sinergica e vantaggiosa. Si può unire alla Propoli, efficace antinfiammatorio e utile per prevenire laringiti, oppure alla Malva contro tosse secca, gengiviti e stomatiti. Un’altra ottima associazione è quella dell’erisimo con il Timo, dalle proprietà balsamiche, che risulta efficace contro bronchite e raffreddore. Questo vale anche per l’Eucalipto.

Lo studio dei principi, che permettono all’erisimo di essere considerata una pianta curativa, risalgono solo al XVI secolo; ancora oggi, non si sa perfettamente cosa permetta a questa pianta di avere delle proprietà così importanti: si crede sia dovuto alla presenza di mucillaggini e di composti solforati.

Studi recenti hanno osservato risultati positivi dell’erisimo sul fegato, con azione antispastica, depurante, disintossicante della funzione epatica. Il risultato che se ne ricava è una pulizia profonda non solo del fegato ma anche della colecisti, una prevenzione contro epatite e calcoli. Solitamente viene aggiunta anche l’essenza di Liquirizia.

Saranno felici coloro che amano i propri animali domestici, perché l’erisimo è ottimo per tutti quei cani e gatti che soffrono, molto spesso, di laringiti.

Effetti negativi dell’erisimo non sono pervenute, ciò non toglie un’attenzione particolare per tutti quei soggetti allergici alle Criciferae (famiglia a cui appartiene l’erisimo). La consultazione del proprio medico risulta importante se si stanno seguendo cure farmacologiche.

L’erisimo, come la malva, l’eucalipto, la propoli sono efficaci rimedi naturali contro i malanni di stagione, non si deve però pensare che siano miracolosi. Una vita stressante e sregolata comporta certamente una maggiore esposizione al rischio di ammalarsi. Condurre invece uno stile di vita sano, osservare una giusta alimentazione, cimentarsi in un’attività sportiva quotidianamente, porta ad affrontare meglio la stagione fredda e non solo.