Cos’è il feng shui

Il feng shui è un’antichissima scienza cinese le cui regole indicano come costruire ed ordinare nel modo migliore gli ambienti in cui si vive. I principi alla base dell’architettura e dell’arredamento feng shui si fondano sul rapporto armonico tra l’uomo e la natura; dal momento che ogni uomo è costantemente condizionato dagli influssi provenienti dall’esterno, è preferibile scegliere di vivere ogni giorno in un ambiente che sia carico di energie positive.

Secondo il pensiero feng shui la conformazione degli spazi in cui lavoriamo, studiamo o viviamo è realmente in grado di influenzare il nostro benessere interiore, la nostra felicità e persino la nostra ricchezza. Vediamo allora alcuni pratici consigli per trasformare l’arredo delle nostre case e per migliorare grazie ad esso la nostra salute interiore.

Ingresso e giardino

La zona dell'ingresso è una parte importantissima della casa. Deve far percepire agli ospiti una sensazione di accoglienza e dovrebbe perciò rispettare i seguenti parametri. La porta dovrebbe innanzitutto potersi aprire verso l’interno così da non costringere chi arriva ad arretrare. Il primissimo ambiente in cui si entra dovrebbe essere ben illuminato, pulito, in ordine e con pareti dai colori tenui.

I mobili dovrebbero essere poveri di suppellettili ed i giubbotti dovrebbero essere riposti in un armadio per consentire all’energia di poter fluire liberamente nella casa. Sempre per questo motivo è importante che i mobili ed altri elementi come tettorie e zerbini siano privi di spigoli. Gli specchi e i quadri sono invece molto utili poiché aumentano la percezione di apertura e di grandezza degli spazi.

Anche i vialetti che conducono all’entrata dovrebbero suggerire un'idea di ospitalità ed è per questo motivo che si tendono a sconsigliare le linee angolate, spezzate e la presenza di fiori che intralcino il passaggio. Il viale del giardino dovrebbe perciò seguire un tracciato curvilineo ed essere libero da qualsiasi pianta o cespuglio ingombrante. Gli alberi e le piante rampicanti possono essere collocati nei pressi della casa purché non coprano con le loro foglie la visuale di porte e finestre.

Per avere un giardino equilibrato dal punto di vista energetico è necessario bilanciare in modo corretto gli elementi yin e yang. Sia il giardino che il balcone sono infatti dei prolungamenti naturali della casa e vanno organizzati con la stessa attenzione e cura riservate agli spazi interni. Le piante e i fiori scelti per l'esterno dovrebbero essere di numerose varietà diverse e dovrebbero essere disposti in posizione decentrata.

 

Giardino e Vialetto Feng Shui

 

Il feng shui concepisce le piante come dei veri e propri simboli; prima di sceglierle è quindi necessario conoscerne i significati. I sempreverdi rappresentano ad esempio la stabilità e la longevità mentre le caducifoglie simboleggiano il cambiamento: per avere un giardino armonico è quindi necessario disporre sia le prime che le seconde.

Sempre per il principio del bilanciamento di yin e yang è indispensabile che il giardino sia dotato in egual modo di zone di luce e di zone di ombra. Poiché il significato letterale dell’espressione feng shui è “vento ed acqua”, nel giardino non possono mancare degli oggetti che richiamino questi due elementi. Fontane, piccoli stagni, bandiere, girandole, giochi di vento ed altri oggetti in movimento servono infatti a rendere esteticamente più bello il giardino ma anche a far circolare meglio le energie in esso presenti.

Altri aspetti da non sottovalutare sono infine il suono, l’odore ed il tatto; anche questi fattori contribuiscono a migliorare l’umore e a rendere la casa un luogo senza dubbio più confortevole. Si consiglia perciò di arricchire il balcone e/o il giardino con erbe aromatiche, pietre, campane tibetane e tutto ciò che possa aiutare ad infondere nel corpo delle piacevoli sensazioni.

 

Scopri come organizzare tutte le altre stanze della casa in questo articolo: Casa Feng Shui.

Scritto da Lo staff di Sorgente Natura