Informazioni botaniche

L’Aloe Arborescens è una pianta perenne conosciuta da tempi remoti, facente parte della famiglia delle Aloacee. Questa può essere utilizzata sia come pianta ornamentale nei giardini ma anche come pianta medicinale date le sue proprietà disintossicanti e rigeneranti. Essa può svilupparsi in altezza fino ad arrivare a 4 metri espandendosi in cespugli ramificati con foglie spinose e lunghe fino a 50 cm.

L’Aloe Arborescens è originaria dell’Africa settentrionale e più in generale di molte regioni desertiche, tuttavia oggi giorno la si può trovare praticamente in tutto il mondo. In territorio italico è diffusa principalmente sulle coste del Mediterraneo, Adriatico e Tirreno grazie alle calde temperature di tali zone.

Proprietà e benefici dell'Aloe Arborescens

L’Aloe Arborescens possiede molteplici proprietà benefiche, è utilizzata soprattutto come protezione contro i raggi solari ad opera dei suoi poteri lenitivi, idratanti e dermoprotettivi tuttavia possiede effetti lassativi dovuti principalmente al contenuto di antrachinoni ed è per questo che si consiglia una particolare attenzione all’uso da parte di chi soffre di disturbi intestinali ma anche ai diabetici che fanno uso di insulina dal momento in cui tale pianta è in grado di abbassare l’indice glicemico.

Oltre a ciò questo vegetale è anche in grado di eliminare dal corpo le tossine giacenti nei tessuti stimolando anche il metabolismo in modo tale da equilibrare le cellule umane. L'aloe Arborescent è dunque utile nella cura di diversi disturbi tra i quali acidità di stomaco, ulcera, gastrite, flatulenza, arrossamenti, acne, forfora, reumatismi, artrite, polipi uterini ed intestinali nonché molto utile nel contrastare gli effetti collaterali dei farmaci sull'apparato digerente.

La vitamina B12 presente in questo vegetale funge da antianemico mantenendo inoltre l'integrità del sistema nervoso risultando così indispensabile in caso di alimentazione vegetariana o vegana. Inoltre il rilevante contenuto di vitamine A, C ed E conferiscono a tale pianta un potere antiossidante in grado di combattere le alterazioni del metabolismo come pure i radicali liberi.

L'Aloe Arborescens contiene 20 amminoacidi essenziali per l'uomo nonché molto noti per le loro proprietà analgesiche ed antinfiammatorie.

Aloe Arborescens per curare il cancro

I poteri curativi di tale pianta sono decisamente illimitati, molto spesso si è discusso sulle qualità antitumorali derivati dagli antrachinoni presenti in questo vegetale tuttavia ad oggi non sono disponibili alcuni dati sperimentali per quanto concerne il metodo di padre Romano Zago, procedimento che prevede l'elaborazione di un preparato a base di 120 g di foglie intere di Aloe Arborescens, 165 g di miele di api ed 1 cucchiaio di brandy e grappa. Il miele di api possiede la proprietà di veicolare le sostanze curative contenute nel succo di aloe fino ai recettori dell'organismo favorendo così l'azione benefica di tale rimedio mentre la grappa, allargando i vasi sanguigni (azione vasodilatatrice) favorisce la depurazione dell'organismo eliminando le sostanze infiammanti ripulendo così il sangue.

Nei suoi libri, padre Romano Zago consiglia di assumere 1-2 cucchiai di Aloe al mattino, a stomaco vuoto, per 20 giorni interrompendo poi per 10 giorni per ricominciare successivamente.

Come utilizzare l'Aloe Arborescens

Nel mondo esistono più di 400 specie diverse di Aloe, tuttavia questa tipologia, insieme all'Aloe Vera (Aloe Barbadensis) è la più popolare in campo medico.

Da tale pianta si può ricavare un gel per uso sia interno che esterno e può essere utilizzato per la produzione di succhi consumati per via orale ed adottati per la cura dell'organismo come integratore alimentare date dalle proprietà drenanti e depurative ma può essere anche impiegato nella creazione di prodotti cosmetici come creme e shampoo per la cura dell'igiene personale.