Storia e leggenda degli acchiappasogni

Gli acchiappasogni indiani, noti anche come scacciasogni, sono al giorno d’oggi un elemento ornamentale conosciuto in tutto il mondo. La loro origine risale ai nativi d’America i quali li utilizzavano tradizionalmente come strumenti di distinzione e riconoscimento sociale. Ognuno di essi era infatti diverso per dimensione e colore e, a seconda dell’aspetto, stava affisso fuori dalle abitazioni ad indicare il mestiere di colui che le abitava.

La cultura occidentale considera invece questi oggetti come dotati di particolari poteri e influenze magiche. Si ritiene infatti, come del resto suggerisce il loro nome, che tali oggetti siano in grado di allontanare gli incubi e di favorire un sonno sereno. Secondo una leggenda, diffusa presso la popolazione indiana Cheyenne, l’acchiappasogni fu creato al fine di proteggere gli agitati sogni di una bambina e al fine di favorirne la crescita spirituale.

L’acchiappasogni avrebbe, sempre secondo la leggenda, la capacità di far avverare i sogni lieti. Personalizzando e abbellendo questi oggetti, la loro sacralità e il loro potenziale magico verrebbero incrementati. Ogni acchiappasogni è unico ed individuale e viene donato al fanciullo nel momento della nascita.

Il significato degli acchiappasogni

Al di là del mito e della leggenda, il significato simbolico di questi oggetti è racchiuso nella loro stessa conformazione. Secondo alcuni infatti, il cerchio rappresenterebbe la ciclicità della vita mentre le piume richiamerebbero alla mobile azione del vento. Grazie a questo strumento quindi, i sogni lieti e positivi resterebbero imbrigliati tra i filamenti colorati mentre quelli negativi verrebbero allontanati dalle piume.

Gli acchiappasogni sono considerati inoltre oggetti di buon auspicio e sono per questo regalati al fine di augurare a chi li riceve fortuna e felicità. Sono prodotti artigianali dotati di forza ed energia e vengono spesso considerati quali portatori di saggezza. Secondo un racconto tramandato dalla tribù Lakota infatti, l’acchiappasogni venne ideato da un saggio maestro apparso ad un anziano sotto forma di ragno.

Come usarli e costruirli

Gli acchiappasogni sono meravigliosi e colorati oggetti con cui abbellire i luoghi in cui si vive o si lavora. Sono ornamenti allegri che ondeggiano al passare del vento e possono quindi allietare il sogno sia dei grandi che dei piccini. Sono solitamente collocati sopra le porte di ingresso e in prossimità delle finestre e conferiscono agli ambienti colore ed armonia.

La leggenda che circonda questi oggetti e la loro bellezza innata, ha reso inoltre gli acchiappasogni un tattoo molto richiesto e diffuso. Oltre che imprimerlo sulla pelle, un altro modo per avere sempre al proprio fianco uno scacciasogni personalizzato e del tutto originale è fabbricarne uno con le proprie mani.

Per costruire un acchiappasogni fai da te occorre avere a disposizione un cerchietto di legno o metallo, un filo di spago ed oggetti ornamentali di varia natura. Un consiglio utile può essere quello di impiegare materiali da riciclo, recuperando così oggetti che cadrebbero altrimenti in disuso.